Software di Email Marketing

Crea un account Mailpro e goditi
500 crediti gratis

Il tasso di apertura delle tue campagne di mailing

Una figura essenziale nelle campagne di mailing

La percentuale di utenti Internet che hanno deciso di leggere il tuo messaggio

La prima fase chiave per una campagna di mailing è riuscire a creare curiosità nell'utente Internet quando vede il messaggio nella sua casella postale. La qualità del contenuto di una email importa poco se nessuno la apre. Il tasso di apertura ti permette di conoscere la percentuale di persone che hanno deciso di cliccare sulla email per leggerla, cioè a dire la proporzione di individui che hanno risposto alla frase di impatto della email.

Studiare il tasso di apertura

Ci sono sempre più campagne di mailing ogni anno e, nel flusso della competizione, devi sapere come fare la differenza : molti utenti Internet cestinano direttamente una mail inviata da una persona sconosciuta senza leggerla. Prima di pensare al ritorno del tuo investimento o anche al tasso di clic di una campagna di mailing, devi pensare al suo tasso di apertura.

Mailpro ti permette non solo di ottenere la proporzione di aperture della tua email, ma anche di sapere con precisione gli indirizzi email degli utenti Internet che hanno consultato il contenuto del messaggio, le loro geolocalizzazioni e anche la data di ciascuna apertura. Diversi strumenti grafici offrono uno studio approfondito di questa statistica, che sia osservandone i cambiamenti ora dopo ora e giorno dopo giorno o confrontandolo con il tasso di clic. Queste caratteristiche possono essere usate per testare vari approcci di comunicazione e per vedere quali si dimostrano i più efficaci.

Ottimizzare il tasso di apertura della propria campagna di mailing

Per avere il messaggio letto, i campi "oggetto" e "mittente" devono sorprendere l'utente Internet. Secondo lo studio condotto da Email Case Studies del 2015, il fattore chiave di apertura è il mittente per il 55% dei destinatari e l'oggetto per il 40%.

Per quanto riguarda il campo del mittente, è naturalmente in ballo la reputazione del trasmittente. Pochi trucchetti possono rendere il suo nome più attraente, tipo usare un titolo diretto, che è più estetico e soprattutto più corto di un indirizzo Internet comprendente una chiocciola. E' anche meglio evitare di cambiare il proprio nome, in modo da creare un'identità duratura per se stessi, un'identità su cui gli utenti Internet potranno fare affidamento.

Per quanto riguarda il campo oggetto, dipende dal tipo di campagna di mailing che ha luogo : per una newsletter informativa, sarà meglio scegliere la sintesi del contenuto; per un obiettivo più commerciale, parole più incisive e perentorie che appartengono al campo del marketing ("Divertiti", "Guadagna", ecc.) saranno più adatte. La personalizzazione è anche un fattore chiave nel tasso di apertura, tipo l'inserimento del nome dell'utente Internet o delle informazioni legate a dettagli che lo/la riguardano (geolocalizzazione, preferenze, ecc.)

Puoi anche soprire :
- Il tasso di reattività di una campagna di mailing, il barometro della prestazione

- Il tasso di clic, una figura essenziale nelle campagne di mailing

- Il tasso di disiscrizione per misurare l'interesse generato dalla campagna di mailing

- Il tasso NFTA, che testimonia la consegnabilità di un file di mailing

- Geolocalizzazione, una caratteristica distintiva per campagne di mailing

- Conoscere i client mail dei propri potenziali clienti in modo da personalizzare le proprie email

- Conoscere i sistemi operativi usati dai potenziali clienti per migliorare le proprie email

UN'EMAIL PIATTAFORMA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Apri un conto Mailpro e godere di 500 crediti gratuiti