Piattaforma mailing per piccole e medie imprese

Crea e usufruisci di tutti i vantaggi dell' account Mailpro
100 crediti gratis

LA INVIABILITA' DELLE VOSTRE MAIL

INVIABILITA' SPIEGATA NEL DETTAGLIO DA MAILPRO

Cartelle in 10 domande/risposte

INTRODUZIONE

L'inviabilità delle mailing è uno dei criteri più importanti di una campagna mailing. L'inviabilità è la capacità di una mailing di essere diretta dal suo mittente al ricevente, tutto in maniera concorde con la tempistica e completamente. L'inviabilità quindi esprime il desiderio di stabilire un contatto con i prospetti.

Una buona inviabilità quindi garantisce che le mailing vengano ricevute nelle caselle, e siano poi capaci di essere aperte o cliccate. Quindi si tratta di un vero interesse finanziario per la vostra campagna: inviare mail che non arrivano al ricevente sarà molto dispendioso e non necessario, quindi nessun ROI. Inoltre le mailing che non arrivano alle caselle rendono inefficace la vostra strategia di campagna e minano i vostri sforzi di marketing.

Mailpro si concentra sulla inviabilità. Prima di tutto Mailpro vi offre un percorso rapido ed efficace che garantisce accesso alla vostra casella. Ad ogni modo potreste perdere in inviabilità a causa dell'identificazione di queste mail come spam o errata gestione del vostro database. Per questo Mailpro vi accompagna con il blog mailing e suggerisce che consultiate questo file sui 10 pregiudizi degli inserzionisti riguardo alla inviabilità.

1. L'inviabilità è un concetto estremamente semplice: FALSO.

L'inviabilità misura per mezzo di cifre e statistiche sulla mailing la capacità delle mailing di una campagna di raggiungere le caselle dei destinatari designati. La inviabilità non è un concetto semplice perché numerosi elementi possono avere un effetto negativo sull'inviabilità. Allo stesso modo una povera inviabilità avrà un impatto negativo su altri aspetti delle vostre campagne. Ecco alcuni esempi:

Criteri che possono incidere negativamente sull'inviabilità:

Eesere identificato come spam (cattivo oggetto, corpo della mail)
Che i prospetti vi presentino come indesiderato
Mandare mailing senza usare una soluzione professionale come Mailpro
Usare gli indirizzi di inoltro errati
Lamentele da parte dei vostri destinatari designati alle organizzazioni o a voi
 

Una povera inviabilità avrà impatto su:

la vostra reputazione on line
Il vostro indirizzo IP verrà bloccato dagli ISP
Sarete temporaneamente o permanentemente inseriti nella lista nera
La vostra campagna temporanea sarà messa in questione
 

L'inviabilità è lungi dall'essere un concetto semplice perché è al centro di una equazione con molteplici variabili. Quindi dovete costantemente osservare la vostra inviabilità usando le vostre statistiche di mailing.

2. L'inviabilità è solo questione di invio: FALSO

L'inviabilità non è solo una questione di mailing. In effetti mandando mail in blocco è piuttosto possibile che otteniate risposte di ritorno. Che siano i vostri prospetti, organizzazioni o addirittura ISP, avrete una risposta da loro, o almeno predisporrete un sistema di gestione delle risposte. Se non rispondete a persone che si lamentano che si stanno lamentando o a ISP che richiedono ulteriori informazioni, la vostra reputazione telematica crollerà e alla fine sarete considerati un inserzionista con debole pratica e verrete inseriti nella lista nera.

Le risposte saranno allora trattate diversamente ma soprattutto inviate attraverso specifici indirizzi mail il cui titolo sarà adattato alla natura della risposta.

[email protected]: questo tipo di indirizzo è molto comune ed è il meno specifico in assoluto. Serve un po' da indirizzo raggruppa-tutto, attraverso il quale potete comunicare con i designati riguardo a lamentele o domande.
[email protected]: questo è chiaramente l'indirizzo che vi permetterà di gestire le lamentele lungo il giro dei feedback.
[email protected]: questo indirizzo vi permette di gestire le lamentele attraverso le quali siete stati segnalati come spam.
[email protected]: vi permette di recuperare i vari elementi d'allerta come azioni identificate come inneschi per automazioni.

Quando riceverete le mail, avrete anche bisogno di un filtro mail dalla vostra parte. Prima di tutto per immagazzinarle secondo le caselle, a seconda del tipo di mail che ricevete ma anche per evitare spam.

3. Per la mia inviabilità il nome del dominio non conta: FALSO

Avete un nome del dominio per il vostro sito web e generalmente i fornitori vi offrono degli indirizzi mail "abbinati" a questo nome del dominio. Riguardo alla vostra inviabilità, distinguiamo due casi: il primo è quando mandate mail con un indirizzo che ha lo stesso nome di dominio, il secondo è quando eseguite l'invio di mailing con il nome del vostro dominio.

Diamo un'occhiata più da vicino al primo caso: allora decidete di inviare una campagna di mailing con un indirizzo che ha lo stesso nome del dominio del vostro sito web. Immaginate che inviare da questo indirizzo soffra di scarsa inviabilità e che andiate a finire nella lista nera o cancellati. Il vostro nome del dominio qui è a rischio e lo è quindi anche il vostro sito web. E' meglio usare dei sottodomini per inviare delle mailing. Allo stesso modo potete optare per un suttodominio per genere di mailing in modo che l'inviabilità della vostra campagna promozionale non offuschi la vostra campagna di lealtà.

Riguardo al secondo caso, questa volta inviate una campagna di mailing di uno dei vostri partner con il vostro personale nome di dominio. Allo stesso modo in caso di scarsa inviabilità mettete in gioco la vostra stessa reputazione telematica per qualcun altro. Se fate in questo modo con molteplici partner, potete scegliere diversi nomi di dominio (che possono essere sottodomini dello stesso dominio) con indirizzi IP dedicati. Vedremo più tardi che gli indirizzi IP condivisi non sono veramente raccomandati in questo genere di casi.

4. L'inviabilità non ha nulla a che vedere con gli indirizzi IP: FALSO

Gli indirizzi IP e l'inviabilità sono strettamente collegati. In effetti gli indirizzi IP sono allegati alle mailing che inviate, e sono quindi parametri della vostra campagna e possono incidere sulla vostra inviabilità. Inoltre una campagna mailing non significa un singolo indirizzo IP.

In effetti il numero stimato di mailing da inviare determina il numero di indirizzi IP da usare. Se non avete sufficienti indirizzi IP per indirizzare le vostre mailing verrete bloccati, e al contrario, gli ISP troveranno piuttosto oscurante assegnare altri indirizzi IP alla campagna di quanto sia necessario. Allo stesso modo per un certo volume di mailing inviate preferiamo gli indirizzi IP dedicati mentre per volumi più piccoli possiamo optare per gruppi di IP.

Gruppi di IP

I gruppi di IP sono IP condivisi. Con questo sistema è facile determinare il giusto volume delle mailing da mandare ma anche fare mailing per diversi tipi di campagne. Comunque, come discusso prima, la scarsa inviabilità di una campagna può incidere su quella di altri. Inoltre la condivisione di IP deve essere fatto ugualmente tra le diverse campagne, altrimenti gli ISP saranno attratti dal vedere flussi di misure molto diverse.

IP dedicati

Gli IP dedicati sono efficaci quando si inviano larghi volumi (>10.000 mailing al giorno). Per mailing molto amie si può allora scegliere un gruppo di IP dedicati, vale a dire IP che vengono da sottodomini dello stesso dominio. Con gli IP dedicati avete un flusso isolato per ogni campagna, quindi non ci sono interazioni.

Acquistare IP

Potete anche comprare IP: questo vi permette di mantenere il vostro IP qualsiasi cosa accada, anche se cambiate fornitore. Il vostro lavoro sulla reputazione telematica del vostro IP è ritenuta indipendente dai cambiamenti di fornitore. Ad ogni modo acquistare IP aggiunge un ulteriore costo alla vostra campagna mailing.

Comunque una volta ottenuto il vostro indirizzo(i) IP dovete registrarli con WHOIS che è una directory di nomi di domini. Includerete anche i diversi indirizzi mail menzionati sopra. Questa registrazione è importante dato che formalizza il nome del vostro dominio e vi permette di essere trovati, vale a dire anche essere inclusi nella lista bianca degli ISP.

Potete poi eseguire diversi test sui vostri IP prima di far partire la vostra campagna:

DNS opposti: assicurano che l'IP corrisponda al vostro nome di dominio e viceversa.
Storico dell'IP: controlla la reputazione telematica dell'indirizzo scelto e il suo storico.
Visonate l'indirizzo IP sul vostro sito per dare facilmente informazioni agli ISP

5. L'inviabilità non può essere influenzata da falsificazioni di ID: FALSO

in quanto inserzionisti non siete immuni ad identificare furti. Se questo è il caso, uno spammer può usare molto bene il vostro nome di dominio e i costri indirizzi e quindi farvi perdere tutte le qualità della vostra inviabilità. Per evitare falsificazioni di ID dovete salvaguardarvi con una procedura di autenticazione. Sono possibili diverse soluzioni:

Il SPF (http://en.wikipedia.org/wiki/Sender_Policy_Framework)
L'ID del Mittente Microsoft ( https://en.wikipedia.org/wiki/Sender_ID )

L'autenticazione può veramente proteggere la vostra inviabilità dalla falsificazione di ID, quindi non trascuratela.

6. I rimpalli non influenzano l'inviabilità: FALSO

I rimpalli si verificano quando inviate una mail a un indirizzo che non esiste o a una casella mail piena. Allora riceverete una mail che vi darà il motivo per cui la vostra mailing non è stata consegnata. La gestione dei rimpalli è quindi importante per l'inviabilità.

Nelle mail che vi sono tornate indietro come risultato di un rimpallo, un codice vi fornisce il tipo di rimpallo. Qui ecco la corrispondenza tra il codice e il tipo di rimpallo:

Il VERP: permette l'identificazione e cancellazione automatica degli indirizzi a cui le mailing non sono distribuibili. Wikipedia dà il seguente esempio:
Mittente busta: wikipediani-proprietario + bob = @ example.org example.net
Ricevente: [email protected]
 

Il rimpallo sarà: wikipediano-proprietario + bob = @ example.org example.net con un mittente busta vuota

Il rimpallo netto: questo rimpallo indica al mittente che l'indirizzo mail non è valido. Il codice è il seguente: Diagnostic-Code: smtp; 550 No such user here
Il rimpallo morbido: un rimpallo che viene inviato quando la casella del ricevente è piena o temporaneamente inaccessibile con il codice: Diagnostic-Code: smtp; 552 Mailbox full
 

Ci sono altre categorie di rimpallo, meno frequenti ma che è necessario trattare. I rimpalli sono il modo migliore per capire perché le nostre mailing non sono arrivate alla loro destinazione e quindi modificare le vostre mailing in modo da migliorare l'inviabilità.

7. L'intestazione della mia mail non è importante: FALSO.

Le intestazioni delle mailing vengono viste prima di tutto dai filtri anti-spam, quindi è necessario imparare come costruire correttamente un'intestazione che vi garantirà una buona inviabilità. Ecco cosa includere:

Un indirizzo mail per le lamentele, il famoso [email protected] o addirittura un link a un modulo di lamentela (più raro).
Un link a una pagina per cancellarsi.
I dati che vi identificano come mittente.
Notate che farete una mailing di massa aggiungendo "Precedence: bulk".

8. Non c'è bisogno fi registrarsi su certe liste prima di iniziare a inviare: FALSO

Numerose liste bianche e registri escludono ed elencano inserzionisti affidabili. Potete quindi registrarvi (il vostro IP, i vostri nomi del dominio, ecc.) in questi elenchi per garantire l'inviabilità delle vostre campagne:

Liste bianche ISP
Abuse.net per registrare il vostro indirizzo [email protected]
Acquisite le varie certificazioni che esistono sul web
dnslw.org che è la più grande lista bianca di inserzionisti

9. Non ho bisogno di salvaguardare la mia inviabilità: FALSO

Prima di tutto dovete osservare la vostra inviabilità con i vostri diversi strumenti, come le statistiche mailing. D'altro canto l'inviabilità può essere monitorata anche con i rimpalli, il livello della vostra reputazione telematica o l'efficacia dei vostri giri di feedback.

L'inviabilità è una battaglia a lungo termine. Effettivamente i cambiamenti avvengono nel tempo ed è un lavoro su diversi fronti quindi siete obbligati adedicarvi una certa quantità di tempo. Poi l'inviabilità cambia di continuo, quindi dovete essere sempre pronti. Allo stesso modo dovete guardare le liste bianche e nere per scoprire dove vi trovate.

L'inviabilità è vista anche in relazione agli sviluppi nei filtri anti-spam. Per raggiungere le caselle di posta dovete riuscire a capire come siano fatti i filtri e cosa si aspettino da voi gli ISP.

Infine, monitorare l'inviabilità si fa studiando le tecniche di marketing, che sono costantemente alla ricerca di ottimizzazioni.

10. L'inviabilità non ha più segreti: FALSO

Per concludere, ecco un'ultima affermazione riguardo al vocabolario.

Blocco: significa "massa" e permette di identificare le vostre mailing come nell'intestazione. Inoltre il fatto che una mailing sia indirizzata a un indesiderato piuttosto che a una casella si chiama fenomeno di blocco.

Cancellarsi: si riferisce alle newsletter o mail da un brand o una società. Cancellarsi è un diritto fondamentale dei designati, e in effetti dovete includere una procedura di cancellazione (o almeno un link alla stessa) in TUTTE le vostre mailing.

Reputazione telematica: rappresenta la reputazione digitale, la vostra reputazione on line, combinata con tutti i media. Soggetta a improvvisi cambiamenti, una reputazione telematica è molto difficile da valutare e mantenere.

ISP: Internet Service Provider.

Lista Bianca: lista di inserzionisti che sono riconosciuti dall'ISP come inserzionisti che hanno buona pratica, come anche inserzionisti affidabili.

Lista Nera: lista di inserzionisti che non hanno rispettato l'etica delle mailing e che sono quindi banditi dalle caselle mail da parte dell'ISP.

Lamentela: può essere fatta direttamente all'inserzionista o a un organizzatore. Viene da un designato che esprime la sua insoddisfazione. Una lamentela deve essere sempre gestita immediatamente in modo da trovare un risultato positivo.

CONCLUSIONE

L'inviabilità è un concetto complesso. Ha un sacco di conseguenze sulla vostra campagna, ma anche molte delle azioni delle vostre campagne influenza sull'inviabilità. L'inviabilità quindi ha una relazione reciproca con le campagne di mailing. Ma ricordate, una buona inviabilità è anche questione di adattarsi alle nuove tecnologie, alle nuove tendenze, come anche alle nuove leggi che gestiscono le mailing di massa.

Ad ogni modo non siete soli in questa lotta per mantenere e ottimizzare la vostra inviabilità. Mailpro vi aiuta fornendovi efficienti strumenti per creare le mailing, gestire il database e l'indirizzamento. Mailpro monitorerà i risultati con le vostre statistiche di mailing. Testate la vostra inviabilità aprendo un account gratuito!

UN'EMAIL PIATTAFORMA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Apri un conto Mailpro e godere di 100 crediti gratuiti