X

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG


E ricevi gli ultimi post sull'Email Marketing

No grazie

Come il Timer del Conto alla Rovescia nelle Email e nelle Newsletter può far Aumentare le Vendite?

Come il Timer del Conto alla Rovescia nelle Email e nelle Newsletter può far Aumentare le Vendite?

Le email sono un modo efficace per comunicare in modo diretto con i clienti. A differenza della pubblicità, che è progettata per attirare un grosso numero di clienti, le email hanno un approccio più personale.

Quindi l’obiettivo dell’email marketing è quello di sviluppare una comunicazione regolare con i clienti a un livello individuale, conquistando gradualmente la loro fiducia.

Un altro obiettivo di questo metodo è quello di attirare i clienti con prodotti rilevanti dopo aver studiato i loro acquisti precedenti. Ad esempio, nel caso dei giganti dell’eCommerce come Amazon, ci sono migliaia di prodotti disponibili in ogni categoria. Quando invii un’email ai clienti mostrando alcuni dei prodotti per cui hanno mostrato interesse, è più probabile che concludano l’acquisto.

Ma una campagna di email marketing di successo richiede un’ottima pianificazione, perseveranza e, soprattutto, pazienza. Ci sono molte tecniche diverse che le aziende usano nelle loro campagne di email marketing per far aumentare i tassi di conversione delle vendite.

Una delle strategie collaudate per incrementare le vendite con le email, è includere un timer del conto alla rovescia. Quindi scopriamo cosa sono i timer del conto alla rovescia e come le aziende possono incorporarli nelle email per creare tassi di conversione più alti.

Cosa sono i timer del conto alla rovescia?

Il timer del conto alla rovescia è proprio questo: un timer digitale che fa il conto alla rovescia per una determinato tempo impostato. Sono frequentemente utilizzati per convincere i clienti ad eseguire un’azione nell’immediato, senza sprecare tempo. Sono utilizzati principalmente durante le vendite di oggetti disponibili in quantità limitate , offerte scontate, offerte speciali, carte regalo, codici promozionali o voucher.

Una cosa importante da sapere sui timer del conto alla rovescia, è che attirano subito l’attenzione dei clienti. Infatti molti hanno un design con colori accattivanti e formati che sono spesso più grandi rispetto al contenuto dell’email.

In che modo aggiungere un timer del conto alla rovescia nelle email e nelle newsletter farà aumentare le vendite?

Lo scopo principale dei timer del conto alla rovescia è quello di convincere i clienti a fare subito un acquisto. Lo fa creando un senso di urgenza e di scarsità. Qui spiegheremo nel dettaglio come i timer del conto alla rovescia nelle email possono far aumentare le vendite.

  1. Creare un senso di urgenza nei clienti

Il primo obiettivo dei timer del conto alla rovescia è quello di creare un senso di urgenza tra i clienti. Molte persone spesso cercano oggetti e servizi online, per poi decidere di rimandare l’acquisto. Se a questi clienti viene comunicato che l’oggetto a cui sono interessati è disponibile a un prezzo scontato per un periodo di tempo limitato, possono convincersi a fare un acquisto.

Quando ai clienti vengono regalati dei voucher o dei coupon, è più probabile che effettuino un acquisto, anche se è solo per utilizzare il coupon.

  1. Invita i potenziali clienti ad effettuare un’azione immediata

Concentriamoci di nuovo sull’abitudine dei clienti di cercare i prodotti ma di non acquistarli subito. Questo comportamento dei clienti fornisce informazioni essenziali all’azienda: rivela esattamente cosa è interessato ad acquistare un cliente specifico. Questo cliente potrebbe essere in attesa di fare l’acquisto oppure potrebbe anche essersi dimenticato del prodotto.

Inviargli email che pubblicizzano prodotti simili può ricordarglielo e riaccendere il loro interesse. Pensa, ad esempio, ai tipi di strategie utilizzati da Amazon con le sezioni “Prodotti simili” e “I clienti hanno acquistato anche questo.”

  1. Coupon con sconti per un periodo di tempo limitato può attirare nuovi clienti

Una buona campagna di email marketing non si concentra solo sui clienti già esistenti, ma porta anche nuovi clienti all’azienda; e una delle strategie più efficaci e collaudate per farlo è offrire loro dei codici sconto o dei voucher.

La cosa più efficace è rendere disponibili i coupon per un periodo di tempo limitato. Il timer del conto alla rovescia attirerà la loro attenzione ed è più probabile che utilizzino il coupon prima che scada.

  1. Informa i clienti sulle offerte speciali e sulle offerte

Nelle occasioni speciali, le aziende offrono sconti su molti prodotti. Alcune delle occasioni più comuni includono il Natale, Capodanno, le stagioni festive, il Black Friday, ecc. Molti clienti si perdono queste offerte semplicemente perché non erano stati informati.

È molto utile inviare un’email a una lista di abbonati informandoli sulle offerte. Aggiungi un timer del conto alla rovescia in queste email con un testo che dica qualcosa di simile: “Spese di spedizione gratuite su tutti i prodotti per un periodo di tempo limitato,” oppure “X% di sconto su tutti gli acquisti che superano un importo specifico.” Fornisce un incentivo per i clienti che li convincerà ad acquistare qualcosa.

  1. Migliora l’efficacia delle email personalizzate

Molte aziende creano email personalizzate per i clienti a seconda delle loro attività e delle loro preferenze.

Facciamo un esempio: un cliente spesso ordina o cerca telecamere DSLR e i suoi accessori. Ciò che puoi fare è creare una lista dei prodotti migliori presenti in quella categoria e inoltrarla ai clienti aggiungendo uno sconto speciale o un’offerta.

Per renderla più efficace, puoi aggiungere un’offerta a tempo limitato su quei prodotti. Puoi utilizzare parole come “Ordina questo prodotto prima della data X per ottenere lo sconto del X%.” E in seguito aggiungi il timer del conto alla rovescia nell’email.

In questo modo farai sentire speciale il cliente, facendogli capire che gli stai fornendo offerte speciali su prodotti di loro interesse. Il timer farà il suo lavoro avvisandoli che l’offerta durerà solo per un periodo di tempo limitato. Sarà estremamente efficace nel convincere il cliente ad acquistare il prodotto.

Conclusione – Alcune linee guide sui timer del conto alla rovescia

Quando si utilizzano i timer del conto alla rovescia nelle email e nelle newsletter, bisogna prendere in considerazione i seguenti consigli:

  • Assicurati che il timer attiri immediatamente l’attenzione del cliente.
  • Assicurati che l’offerta limitata sia vera e non un finto conto alla rovescia. Non c’è niente di più dannoso per un’azienda che perdere la fiducia dei propri clienti.
  • Il tempo totale del conto alla rovescia deve essere scelto attentamente. Se l’offerta dura troppo poco, potresti perdere i clienti che controllano le email solo un paio di volte la settimana. Se il timer dura troppo, i clienti non sentiranno quel senso di urgenza e penseranno che ci sarà abbastanza tempo per acquistare i prodotti in seguito.
  • Sii sincero. Non creare un senso falso di urgenza o di scarsità.

I prossimi passi

Procedi con i tuoi sforzi nell’email marketing. Aggiungi i timer del conto alla rovescia appropriati nella tua newsletter e convinci più clienti, facendo quindi crescere le vendite e i profitti. Ti chiedi come farlo? Mailpro può aiutarti: aggiungi subito un timer alla tua newsletter.

Timer del Conto alla Rovescia nelle Newsletter per Motivare le Persone a Svolgere un’Azione Immediat

Conto alla Rovescia nelle Newsletter

Le email e le newsletter non sono gli strumenti di marketing più all’avanguardia, ma svolgono un ottimo lavoro nel creare interazioni con i clienti. Se i social media e le pubblicità aiutano le aziende a raggiungere un gruppo più ampio di clienti, le email aiutano a creare un rapporto personale con gli individui.

Tuttavia, l’efficacia dell’email marketing si basa sul modo in cui le aziende lo utilizzano. Uno dei modi migliori per motivare il tuo pubblico a prendere sul serio le tue email è quello di utilizzare i timer del conto alla rovescia nelle tue newsletter.

Prima di spiegarti quali siano i benefici del timer del conto alla rovescia nelle email, prima dobbiamo capire perché questi timer siano così importanti.

Perché i timer del conto alla rovescia sono così importanti nelle email?

Ricordi quand’è stata l’ultima volta che hai avuto la mente completamente libera di pensieri? Cercare di ricordare qualcosa del genere è in sé un processo. I nostri cervelli lavorano 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, pensando e processando ogni pezzo di informazione con cui veniamo in contatto e in generale ricordiamo quelle più importanti o urgenti.

Tuttavia, anche quando le informazioni sono vitali, dobbiamo affrontare una battaglia mentale che ci piace chiamare “Procrastinazione vs. Panico.” Molte persone si perdono in questa battaglia, rimandando le cose e procrastinando fino all’ultimo minuto e agendo solo quando inizia a farsi strada in loro il panico. Dimentichiamo anche le cose urgenti finché non manca poco tempo alla scadenza.

La maggior parte delle email vengono lette ma non ricevono risposta perché per le persone sono solo informazioni. Se vuoi spingere i clienti a svolgere un’azione, deve instillare con le tue email un senso di urgenza e una scadenza che gli ricordi che non hanno molto tempo. Ti viene in mente un modo migliore per farlo che non sia inserire un timer del conto alla rovescia?

In conclusione, i timer del conto alla rovescia sono molto importanti per le newsletter perché aggiungono l’urgenza alle tue email.

Benefici dei timer del conto alla rovescia nelle email e nelle newsletter

Diamo un’occhiata ai benefici che ha aggiungere il timer del conto alla rovescia nelle email.

  1. Attirare l’attenzione

Prendiamo come esempio un’azienda che ha deciso di vendere i propri prodotti con uno sconto esagerato per un tempo limitato. I pubblicisti abbozzano un’email che notifica i clienti dei vantaggi dell’offerta, molti di loro la ricevono e la aprono, leggono magari le prime righe e poi la chiudono credendo che non sia importante.

Devi averlo fatto anche tu molto spesso: forse eri impegnato oppure eri così distratto da non aver prestato attenzione all’email. Qualunque sia il motivo, molte persone ignorano velocemente le email se non riguardano il lavoro o se non sono da parte di qualcuno che conoscono.

Aggiungere un timer del conto alla rovescia nella stessa mail garantirà un risultato completamente diverso. Quando una persona apre l’email, la prima cosa che attira la loro attenzione è il timer, quindi in pochi secondi il timer avrà già raggiungo il suo primo obiettivo, ovvero attirare l’attenzione sull’email.

  1. Risvegliare la curiosità

Ora che la tua email è riuscita a catturare l’attenzione del tuo lettore, il passo successivo è quello di incuriosirlo. Continuando con lo stesso esempio di prima, che cosa succede quando una persona riceve un’email che contiene un timer per il conto alla rovescia che ha attirato la loro attenzione? Facile... ne saranno incuriositi.

Vedranno il timer e vorranno sapere che cosa sta contando. Con un timer del conto alla rovescia, le tue email non solo attireranno l’attenzione del tuo cliente, ma cattureranno anche il suo interesse. Se è interessato nella tua email, è già una risposta migliore rispetto a quando ignorava le tue email.

  1. Influenza le loro decisioni creando un senso di urgenza

Sei già riuscito a incuriosire i tuoi clienti, ora leggeranno il contenuto dell’email per decidere cosa fare. Dopo aver letto l’email e aver dato un’occhiata a ciò che offri, dovranno decidere se lo vogliono o meno. I timer del conto alla rovescia svolgono un ruolo vitale nell’influenzare la loro decisione.

Ricordi la parte dove abbiamo parlato di urgenza, panico, scadenze e come queste motivino le persone ad agire? Il timer farà capire subito quanto tempo rimane alle persone per poter agire, fornendo una scadenza e un motivo per agire in fretta prima che l’offerta imperdibile scada.

  1. Crea la paura di perdersi qualcosa

Ti sei mai ritrovato in una situazione in cui fai qualcosa che non ti interessava, solo perché non volevi perderti un’opportunità? Ad esempio, un tuo amico sta facendo shopping e tu ti accodi, ma non vuoi comprare niente per te. Poi vedi un bel vestito che viene venduto con il 50% di sconto e lo compri perché non vuoi perderti l’offerta.

Il timer del conto alla rovescia farà la stessa cosa di ciò che ha fatto il cartellino dello sconto per il vestito dell’esempio. I timer del conto alla rovescia comunicheranno alle persone che le quantità che ciò che stai offrendo sono scarse, più scontate del solito o che sono disponibili per un periodo di tempo limitato. Anche coloro che non sono interessati all’offerta potrebbero approfittarne solo per non perdersela.

Alcuni consigli per usare nel modo giusti i timer del conto alla rovescia

Se vuoi sfruttare al massimo i timer del conto alla rovescia, ecco alcune cose che dovresti considerare:

  1. Sii sincero. Se stai pubblicizzando un’offerta falsa o crei delle scadenze finte con i timer solo per poter aumentare le vendite, sappi che questo è un comportamento onesto e un metodo poco etico. Non inserire questi timer solo per spingere i tuoi clienti a fare qualcosa.
  2. Aggiungi i timer a offerte davvero interessanti. I timer del conto alla rovescia creeranno un senso di urgenza ma non saranno efficaci se ciò che offri non è interessante. L’efficacia dei timer dipende da quanto sia accattivante l’offerta ed è per questo che vengono principalmente utilizzati per sconti, voucher, coupon e offerte festive.
  3. Crea un timer il più accattivante possibile.
  4. Utilizza i timer del conto alla rovescia quando la tua offerta sta per terminare. Ad esempio, se la tua azienda sta organizzando una svendita, i timer saranno più efficaci verso la fine della svendita. Meno tempo hanno a disposizione, più i clienti vorranno effettuare un acquisto.

Il timer del conto alla rovescia non è un pulsante magico che creerà una risposta positiva per tutte le email che invii ai clienti. Devono essere utilizzati nel momento giusto e per i motivi giusti. Quando utilizzati in modo appropriato, migliorano in modo significativo le tue vendite e i tuoi profitti.

Ora che sai quali sono le regole base del timer del conto alla rovescia e perché dovresti includerlo nella tua newsletter, ha senso integrarlo. Come farlo? Mailpro ti aiuterà.

Come far Aumentare la Lista di Email Attraverso i Social Media?

Come far Aumentare la Lista di Email Attraverso i Social Media?

Tutti coloro che lavorano nell’email marketing conoscono questo pregiudizio: il mezzo di comunicazione è obsoleto, viene raramente utilizzato e ben presto verrà sostituito dai social network. Ma la verità è che le email sono la prima scelta per le comunicazioni tra corporazioni e clienti.

Tuttavia, è anche vero che i social network come Twitter, Instagram, Facebook o Xing offrono innumerevoli opportunità per le aziende, ma a un livello maggiore che include consapevolezza, lealtà dei clienti, pubblicità o vendite dirette... con i social media è possibile fare innumerevoli cose.

In questo articolo imparerai a collegare il tuo email marketing ai social network per accrescere la tua lista di contatti e per convincere a restare i clienti già fedeli al tuo marchio.

Perché dovresti collegare l’email marketing ai social media?

Twitter, Facebook, Instagram, YouTube, Xing, e la lista può continuare all’infinito. Esistono numerose piattaforme che vengono utilizzate da vari tipi di persone.

Tutti i social media menzionati hanno un vantaggio sulle tradizionali email: il pubblico.

Puoi condividere una notizia sull’industria o sull’azienda raggiungendo un numero maggiore di persone, il tutto con un post breve e semplice che gli permette di interagire con te. Non solo è un modo eccellente per migliorare la portata e la conoscenza della tua azienda come esperto nel tuo campo, ma potrai anche entrare in contatto diretto con i tuoi clienti.

Ma come puoi evitare di farti sfuggire tutte le varie piattaforme con il giusto approccio?

Come in qualsiasi altra forma di marketing, dovresti prima conoscere il pubblico a cui ti rivolgi. Chi è interessato al tuo marchio e ai tuoi prodotti? Lavori nel B2B o nel B2C?

Nel prossimo passo scoprirai qual è il social media che i tuoi clienti preferiscono utilizzare. Sebbene la maggior parte del pubblico utilizzi YouTube, il pubblico più giovane preferisce invece Instagram.

In ogni caso, ha senso unire l’email marketing e i social media per coprire tutti i canali possibili, rivolgendoti così a un pubblico più ampio. Questo si trasformerà in un crescente indice di redditività (ritorno sugli investimenti).

Come costruire le liste email con i social media?

Essere conosciuto come l’esperto del tuo settore è straordinario e davvero utile.

Ma, siamo sinceri, l’email marketing riguarda soprattutto la funzionalità ottimale e una lista di contatti in crescita. Per questo motivo l’obiettivo principale dovrebbe essere quello di utilizzare i social media per attirare nuovi iscritti per la tua newsletter.

  1. Facebook

 

Fonte immagine: https://pixabay.com/photos/social-media-facebook-smartphone-763731/

Nonostante tutti gli scandali sulle informazioni, la piattaforma americana è ancora la principale tra i social media. Secondo le ultime stime, circa 1,52 miliardi di persone utilizzano Facebook ogni giorno, e 381 di esse si trovano in Europa.

Se non ti sei convinto nemmeno vedendo questi numeri e dubiti dei benefici dell’avere una pagina aziendale su Facebook, sappi che 90 milioni di piccole e medie imprese hanno già iniziato a sfruttare quest’opportunità.

E ne vale la pena

Le piattaforme come Facebook ti permettono di mostrare il lato umano della tua azienda; gli utenti conoscono Facebook e le sue funzionalità, e soprattutto non devono spostarsi su un altro sito per ottenere le informazioni che desiderano.

Ma come può la pagina Facebook aiutarti a reclutare nuovi lead per il tuo email marketing?

Pubblicità gratuita per la tua newsletter

Per prima cosa, rendirizza i suoi abbonati su Facebook alla tua pagina di registrazione. Non devi far altro che posizionare un pulsante di Call-to-action (CTA) sotto l’immagine di copertina.

Per poterlo fare, clicca sul pulsante blu che si trova sotto l’immagine di copertina (verrà mostrato solo a te in quanto amministratore); in seguito puoi scegliere l’azione che desideri (contatta, acquista subito, ulteriori informazioni, ecc.).

In seguito, visto che sotto l’immagine di copertina è disponibile un solo CTA, devi selezionarlo in base alle tue esigenze. Se vorresti estendere la tua lista di contatti, ti contatti email, ti consigliamo di scegliere il pulsante “Registrati”.

Infine, puoi inserire l’URL della tua pagina di registrazione: i visitatori della tua pagina Facebook possono ora iscriversi alla tua newsletter con solo tre clic del mouse.

In questo modo riuscirai sempre a promuovere e a far aumentare la tua lista di contatti con Facebook e in modo gratuito.

Pubblicità a pagamento su Facebook

La tua lista di contatti email può crescere in maniera organica con i social media: puoi mostrare le pubblicità corrispondenti e risultare nel feed del tuo pubblico.

  1. Twitter

 

Fonte immagine: https://pixabay.com/photos/twitter-screen-social-phone-1795652/

Anche Twitter fornisce un ottimo modo per collegare i tuoi canali dei social media con l’email marketing per espandere la tua lista di contatti, con la generazione di lead simili al principio delle pubblicità di Facebook.

Queste carte sono pubblicità a pagamento (mentre i CTA di Facebook sono gratuiti). Le impostazioni diverse ti permettono di raggiungere un determinato pubblico suddiviso per sesso, posizione e lingua.

In pochi semplici passi avrai creato una carta per la generazione di lead:

Prima devi creare una carta per la generazione di lead su Twitter andando nell’immagine del profilo e selezionando l’opzione “Pubblicità Twitter”.

Poi devi creare una nuova campagna e selezionare la destinazione preferita. Per promuovere i tuo sito web o la tua landing page è meglio utilizzare “Clic o conversioni sito web”. Ora puoi definire e creare nuove carte per la generazione di lead.

In seguito, devi scegliere il pubblico, il budget e creare un CTA accattivante. Scrivi un messaggio interessante, aggiungi un elemento visuale (tweet con immagini hanno risultati migliori) e seleziona il link appropriato a seconda dell’obbiettivo.

E infine devi selezionare l’URL della tua pagina di iscrizione alla newsletter se vuoi far aumentare la tua lista di contatti email.

Nonostante le problematiche della piattaforma, Twitter è un canale eccellente per promuovere il tuo email marketing su questo social network.

  1. LinkedIn/Xing

 

Fonte immagine: https://pixabay.com/illustrations/linked-in-logo-company-editorial-2668692/

Quando si tratta di collegare i social media all’email marketing, Xing e LinkedIn sono i più ovvi. Sono ottimi per creare relazioni d’affari e trovare un pubblico adatto.

Questa è la tua opportunità di usare le tue connessioni e i tuoi contatti per costruire un pubblico.

Consiglio: Su Xing puoi creare una pagina per l’azienda, costruire una community e tenerla aggiornata.

Ad esempio, puoi esportare gli indirizzi email del tuo network in formato Excel e inviare email personali per invitare i tuoi contatti a iscriversi alla tua newsletter. Tuttavia, questo processo può essere alquanto lungo.

Come detto in precedenza, essere definito un esperto del tuo settore in un particolare campo è un grande vantaggio.

Questo significa che la tua voce risuona con la tua comunità e quindi puoi condividere contenuti interessanti e trend dell’industria.

Perciò, ogni volta che condividi un contenuto sulla tua pagina LinkedIn o su Xing, dovresti aggiungere un invito a iscriversi alla tua email includendo un link per la tua pagina di iscrizione. In questo modo farai conoscere a più utenti la tua newsletter.

  1. YouTube

 

Image Source: https://pixabay.com/illustrations/film-filmstrip-you-tube-you-tube-589491/

Se vuoi fornire un contenuto visivo, utilizza una delle piattaforme più importanti e più conosciute. Dovresti inoltre fornire video tutorial ai tuoi utenti per aiutarli a comprendere come utilizzare i tuoi prodotti e i servizi.

YouTube è il secondo motore di ricerca più utilizzato al mondo e viene usato da 1,5 miliardi di persone ogni giorno, inoltre il 75% di dirigenti guardano video relativi alle industrie a cadenza settimanale. I video sono popolari e sono un ottimo strumento di marketing, ed è assicurato che vengano visti dal tuo pubblico.

Puoi utilizzare questi video per far crescere la tua lista di contatti email? Come puoi farlo?

I canali frequentemente utilizzati, come YouTube, ti permettono di aggiungere annotazioni e mappe ai tuoi video.

Puoi facilmente aggiungere link alla fine dei tuoi tutorial.

Puoi fornire questa informazione attraverso le impostazioni del canale. Dopo aver aggiunto il tuo dominio all’account YouTube, puoi integrare il link. È facilissimo. Assicurati di creare un messaggio accattivante che convinca gli utenti a iscriversi alla tua newsletter.

Ti consigliamo di utilizzare frasi come, “Vorresti avere ulteriori informazioni sul nostro prodotto? Iscriviti alla nostra newsletter!”

  1. Instagram

 

Fonte immagine: https://pixabay.com/photos/instagram-social-media-web-pages-1519537/

Instagram ti offre la possibilità di mostrare il tuo marchio a un pubblico più giovane. Per far aumentare la tua lista email con Instagram, dovresti prima di tutto creare le condizioni necessarie per far sì che i tuoi follower sappiano che è disponibile una newsletter.

Un’opportunità eccellente per farlo è inserire un modulo di registrazione nella descrizione della pagina.

Il prossimo passo è quello di animare il tuo pubblico per convincerlo a interagire. Puoi farlo attraverso:

  • Speciali codici promo per gli utenti Instagram
  • Download gratuiti
  • Competizioni
  • Foto che richiedono il tag agli amici

L’obbiettivo è quello di promuovere la tua azienda, il tuo marchio e i tuoi prodotti. Per poterlo fare è necessario il passaparola che su piattaforme come Instagram è estremamente popolare e può essere usato a tuo favore.

Resta aggiornato, posta regolarmente delle foto e soprattutto storia per restare nei feed dei tuoi follower... ne varrà la pena.

Quando ti sarai costruito una community, dovrai fornire aggiornamenti sui nuovi prodotti, le offerte e gli sconti esclusivi riservati ai tuoi follower Instagram.

Ma attento: non dovresti sprecare tutte le energie sui canali dei social media. Se pubblichi e usi tutte le azioni su una piattaforma singola, avrai difficoltà a promuovere il valore aggiunto della tua newsletter.

Quindi dovresti suddividere i codici sconto, le competizioni, ecc. in modo tale da riportare il pubblico sui meriti e sul valore della tua newsletter.

Instagram è un ottimo modo per inviare alla tua lista di contatti email un contenuto visuale, quindi sfrutta quest’opportunità.

Come evitare i filtri antispam nell’email marketing?

 

Fonte immagine: https://www.cyberplexafrica.com/wp-content/uploads/2018/01/newsletters-for-email-marketing.png

Tutte le aziende dovrebbero sapere come superare i filtri anti-spam nell’email marketing, ma in realtà commettono continuamente l’errore inviando email di massa.

Quando c’è un basso tasso di apertura in una campagna, è probabile che sia dovuto ai filtri che hanno segnalato il messaggio come spam.

Certamente avrai ricevuto messaggi commerciali da aziende, marchi o siti web che ti fanno chiedere dove abbiano trovato la tua email, visto che non ricordi di esserti iscritto alla loro newsletter.

Beh, in questo caso la spiegazione è molto semplice: oggigiorno ci sono ancora molte aziende che commettono il grave errore di acquistare database con il solo scopo di vendere prodotti o servizi.

Il termine “email indesiderata” o “messaggio indesiderato” si riferisce all’invio a una lista di persone di messaggi; per questo motivo viene chiamato spamming.

Quindi, se vuoi avere successo con le campagne di email marketing ed evitare di finire in una lista nera, devi creare un contenuto ottimizzato in un formato tanto interessante da attirare gli iscritti.

Ora, devi costruire una lista di contatti email utilizzando i social media e rispettando le più aggiornate leggi per la protezione dei dati: il regolamento GDPR. A questo punto entra in gioco Mailpro, il software di email marketing che rispetta gli standard GDPR e gestisce tutti i tuoi dati privati.

Mailpro ti supporta lungo tutto il percorso e ti fornisce tutte le funzioni necessarie. Con Mailpro puoi creare newsletter, gestire i contatti, eseguire le campagne di email marketing, automatizzare le email, analizzare le statistiche delle campagne, rendirizzare e consegnare, ti fornisce il Server Relay SMTP e molte altre funzionalità avanzate. Oggi, questo software gratuito di email marketing viene utilizzato da più di 150,000 associazioni, che siano iniziative imprenditoriali piccole o medie. Il fatto che Mailpro rispetti gli standard GDPR ti assicura la privacy e l’integrità dei dati e dei tuoi clienti.

Conclusioni

Ora sai come connettere i tuoi canali sui social media con l’email marketing, e quali sono i vantaggi di questa strategia. Ma anche con le migliori campagne sui social media per incrementare la tua lista di contatti, è essenziale che tu osservi e rispetti il quadro giuridico.

Fonte immagine principale: https://pixabay.com/photos/mobile-phone-smartphone-keyboard-1917737/

I Vantaggi dell’Invio di Newsletter per Capodanno

I Vantaggi dell’Invio di Newsletter per Capodanno

Le newsletter sono un metodo popolare per comunicare con il tuo pubblico nel settore dell’industria eCommerce. Qual è il suo scopo principale? Comunica in modo semplice un messaggio breve sulla compagnia che i clienti potranno ricordare quando faranno acquisti online.

Il periodo di Capodanno è decisamente emozionante, visto che tutti gli utenti sono pronti a spendere! Gennaio è un mese molto attivo e questa potrebbe essere la tua possibilità per sfruttarlo!

Qui troverai alcuni vantaggi dell’invio di newsletter per Capodanno e alcune idee su come sfruttare al massimo quest’opportunità.

Rapporti di fiducia

Una delle migliori possibilità per costruire un rapporto di fiducia con i clienti del tuo eCommerce è quella di inviare newsletter con una certa frequenza. Questo è particolarmente importante durante il periodo di Capodanno, in cui le persone celebrano e abbracciano il Nuovo Anno.

Quando comunichi con loro durante questo periodo festivo, devi mostrare di tenere a loro e che sei attivo durante le festività. Non è necessario che invii una newsletter informativa, potresti anche semplicemente inviare i tuoi saluti e comunicare alcuni cambiamenti avvenuti nel tuo portale; questo è più che sufficiente per attirare la loro attenzione!

Picco nelle vendite

La fine di dicembre è la stagione delle festività ed è il momento in cui gli utenti si rivolgono ai portali eCommerce, in quanto lo shopping e l’acquisto dei regali di Natale è molto comune. Quindi, quando guardano su internet alla ricerca di un prodotto che soddisfi le loro esigenze, è imperativo che tu abbia fatto colpo su di loro con l’invio di una newsletter.

In questo modo si ricorderanno di te quando cercheranno qualcosa online, quindi è importante inviare informazioni brevi relative a un determinato prodotto! Tutto ciò contribuisce a far aumentare le vendite del marchio eCommerce con l’avvicinarsi del Nuovo Anno.

Preparazione per febbraio

Studi suggeriscono che il mese di febbraio abbia il più alto tasso di apertura delle pubblicità per l’industria eCommerce. Questo significa che è più probabile che gli utenti guardino le pubblicità durante questo mese. Il tasso di apertura è attualmente al 17,9%.

È meglio creare una connessione con il tuo pubblico le prime settimane dell’anno con una newsletter che potranno ricordare con l’arrivo di febbraio. Ti stai quindi preparando all’arrivo del mese attivo scrivendo in anticipo agli utenti.

Vendite in seguito al Black Friday

Il Black Friday segna la fine del penultimo mese dell’anno. Gli ultimi rapporti affermano che la riattivazione delle email per gli utenti generano il 106% in più di vendite durante il Black Friday rispetto al resto dell’anno.

Ma cosa succede dopo di questo? Ti accontenti semplicemente di raggiungere il tuo obiettivo per le vendite oppure vuoi ottenere di più? Avere a che fare con l’aumento delle vendite durante il Black Friday è molto eccitante, ma preparati a ripetere l’esperienza a dicembre e a gennaio con la newsletter per Capodanno che invii ai potenziali clienti!

Costruisci un’immagine sui social media

Quasi tutti i portali di eCommerce dipendono principalmente dal comportamento sui social media. Questa è la possibilità di creare un legame personale con i clienti e per comunicare le varie informazioni sull’azienda.

Non sorprende affatto sapere che i social media sono alquanto attivi durante le festività di fine anno; rilasciare quindi una newsletter festiva per il Capodanno su questi portali potrebbe rivelarsi un vantaggio. Attiri l’attenzione dei clienti quando generano il traffico maggiore sui siti dei social media.

Considerato il fatto che il 73% dei pubblicitari hanno riconosciuto positivamente l’effetto dei social media per la loro azienda, le newsletter per Capodanno sono davvero emozionanti!

Conosci il tuo pubblico

Non tutti gli utenti su internet hanno bisogno di tutti i prodotti disponibili online. C’è sempre una segmentazione che mostra la reazione del pubblico alle diverse varietà di prodotto disponibili sulla piattaforma eCommerce.

Rilasciare le newsletter di Capodanno potrebbe essere un metodo interessante per capire meglio il tuo pubblico. Ad esempio, se rilasci un comunicato a Capodanno su un certo tipo di prodotto e solo il 10% degli utenti lo visualizza o lo acquista, saprai che hai un piccolo gruppo effettivamente interessato a quella categoria di prodotto.

La prossima volta che pubblicizzi i tuoi prodotti saresti a conoscenza di questa distinzione!

Sei pronto per inviare una newsletter di Capodanno?

Tenendo questo in considerazione, se vuoi creare una campagna di email marketing per Capodanno, questo è il momento migliore per organizzare le cose e per avviarla. Non dimenticare di dare un’occhiata ai nostri modelli per le newsletter di Capodanno di Mailpro per organizzare le tue strategie in modo semplice.

4 Modi Innovativi per Ridurre i Tassi di Cancellazione dell’Iscrizione alla Newsletter

4 Modi Innovativi per Ridurre i Tassi di Cancellazione dell’Iscrizione alla Newsletter

Sia che lo si voglia ammettere o meno, non si possono accontentare tutti; ci saranno sempre persone che cancelleranno l’iscrizione alla tua newsletter e sceglieranno di non ricevere più le email. È questa la realtà, quindi bisogna accettarla e andare oltre.

Ma non fraintendere: la fidelizzazione dei clienti è importante e ha un ruolo vitale nel determinare il successo del tuo marchio. Quindi non importa quanto tu ti senta impantanato, è necessario rimettersi in gioco.

Ti serve più ispirazione? Qui ci sono alcune statistiche importanti che sottolineano chiaramente quanto sia fondamentale ridurre i tassi di cancellazione dell’iscrizione alla newsletter:

  • InsightSquared ha rivelato che acquisire un nuovo cliente potrebbe costarti da 5.a 25 volte di più rispetto alla fidelizzazione di un cliente già esistente.
  • Se riesci a ridurre il tasso di abbandono anche del 5%, puoi vedere un aumento dei tuoi profitti che può andare dal 25% al 95.

Sebbene sia quasi impossibile impedire ai lettori di smettere di leggere le tue email, puoi comunque fare qualcosa per ridurre il tasso di cancellazione alla newsletter. Ecco come.

Creare un modulo di double opt-in

Forse non l’avevi previsto, ma è vero che molti utenti si iscrivono alla tua newsletter senza nemmeno saperlo. Forse stavano visitando il tuo sito web e per sbaglio hanno cliccato sul pulsante per l’iscrizione e boom! È fatta.

Ciò che segue non è molto piacevole: mentre tu inizi a inviargli le newsletter, loro si irritano in quando non si erano iscritti intenzionalmente. Sai qual è il risultato? Scelgono di non ricevere più le tue email e tu all’improvviso hai alti tassi di cancellazione!

La soluzione? Crea in modo facile un modulo di iscrizione double opt-in con Mailpro. In questo modo, una volta che si saranno iscritti alla newsletter sul tuo sito web, dovranno riconfermare l’iscrizione tramite un link inserito in un’email che gli invii.

Questo ti aiuta in due modi: ti fa ottenere abbonati che sono seriamente interessati alla tua newsletter, e inoltre ti assicuri di rispettare il nuovo Regolamento generale per la protezione dei dati (GDPR).

Invio di email personalizzate segmentando la lista degli abbonati per interesse

Per eccellere nella tua strategia di email marketing, è essenziale che tu comprenda le esigenze dei tuoi abbonati.

Non rimarresti deluso anche tu se ti iscrivessi a una newsletter pensando che possa essere interessante ma alla fine ti ritrovi con un contenuto che non ha alcuna rilevanza per le tue preferenze e i tuoi interessi?

È proprio così che si sentono i tuoi abbonati, ed è la terza motivazione più comune per cui le persone cancellano le iscrizioni alle newsletter.

La soluzione ideale è quella di inviare email altamente personalizzate a seconda della segmentazione effettuata. Puoi scegliere di segmentare i tuoi abbonati subito dopo che si sono iscritti alla tua newsletter. Mailpro ti aiuta a farlo organizzando i tuoi contatti in rubriche. Puoi installare la sezione per l’iscrizione di Mailpro nel tuo sito web che ti permette di iscrivere gli utenti e integra automaticamente i contatti raccolti nel tuo account.

Inoltre, puoi anche caricare la tua lista di contatti e segmentarla.

Qualità, non quantità

Ammettiamolo, molti lettori scelgono di cancellare l’iscrizione alla newsletter perché ricevono troppe email. Ci sono molte aziende che inviano una sola email a settimana e molte di esse inseriscono la frequenza della ricezione nel modulo di iscrizione. Poi ci sono le aziende che inviano un’email al giorno e altre che ne inviano anche più di una al giorno, ed è questo che causa effetti negativi.

Sebbene inviare troppe email in un breve periodo non sia una buona idea, molti promotori non sono d’accordo. La regola d’oro è quella di concentrarsi più sulla qualità che sulla quantità, assicurandoti di non compromettere il tuo contenuto solo per poter inviare email in modo frequente.

In aggiunta, tieni d’occhio le tue metriche, controlla cosa funziona e progetta di conseguenza una strategia.

Personalizza ogni messaggio

Niente batte il potere della personalizzazione. Ricordi quanto sia stato bello quando hai ricevuto un’email di Buon Compleanno il giorno del tuo compleanno? Oppure un’email che ti dà dei consigli sui regali per gli uomini quando si avvicina il compleanno del tuo ragazzo? Ti senti senza dubbio speciale, ed è questo che provano i tuoi abbonati quando personalizzi la newsletter.

Credici, non è difficile personalizzare l’email: puoi farlo in modo efficace utilizzando i campi dinamici di Mailpro. Aggiungi facilmente gli elementi dinamici nella tua newsletter e scegli tra più di 500 modelli.

Tocca a te

Questo è tutto! Non abbiamo detto che è facilissimo ridurre il tuo tasso di cancellazione dell’iscrizione alla newsletter? Non devi far altro che scoprire nuovi modi per poter coinvolgere sempre di più i tuoi abbonati.

Che cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti.

Come Aumentare i Clic nella Newsletter Natalizia?

Come Aumentare i Clic nella Newsletter Natalizia?

Se stai leggendo questo articolo, è probabile che tu stia progettando la newsletter natalizia per i tuoi utenti e i tuoi clienti. Non servirà a niente inviare newsletter natalizie se la maggior parte dei tuoi clienti non le apre; quindi abbiamo qualche consiglio in questa guida che ti aiuterà ad aumentare i clic sulla tua newsletter natalizia. Continua a leggere per avere ulteriori informazioni.

Personalizza le tue newsletter

Con la tua newsletter natalizia puoi pubblicizzare i tuoi prodotti e i tuoi servizi ai clienti in modo ottimale. Per rendere un’email più efficace, è meglio personalizzarla: questo ti aiuterà a competere con la concorrenza.

Se vuoi attirare l’attenzione dei tuoi clienti, la tua newsletter natalizia dovrebbe essere personalizzata. Basandoti sulle esigenze e sugli interessi dei tuoi clienti, la tua newsletter natalizia personalizzata dovrebbe:

  • Aumentare il tasso di clic
  • Essere rilevante
  • Aumentare il tasso di conversione
  • Rendere più efficace la tua campagna di email marketing
  • Migliorare il rapporto con i tuoi clienti

Il momento migliore in cui inviarla

Idealmente, dovresti inviare la tua newsletter natalizia qualche giorno prima di Natale. Questo ti aiuterà a garantire la consegna dei tuoi prodotti prima di Natale. I giorni migliori per l’invio delle newsletter sono il martedì, il mercoledì e il giovedì dopo le 12.

Inviare una newsletter il lunedì prima delle 12 non è una buona idea, perché gli utenti tendono a cancellare le email che secondo loro non sono importanti mentre si trovano al lavoro il lunedì mattina. Quindi è bene tenerlo in considerazione.

Crea un oggetto dell’email accattivante

L’oggetto della tua newsletter dovrebbe essere abbastanza accattivante da convincere la maggior parte degli utenti ad aprirla. Con un oggetto interessante, puoi:

  • Attirare l’interesse dei clienti
  • Aumentare il tasso di clic
  • Incrementare la lettura
  • Promettere un beneficio

Ricorda: non dovresti mai utilizzare il termine “newsletter” nell’oggetto dell’email in quanto, secondo alcuni studi di email marketing, potrebbe ridurre il tasso di apertura anche del 40%.

Tieni in considerazione i destinatari

Prima di iniziare a creare la tua newsletter, assicurati di tenere in considerazione il tuo pubblico. Vorrai rivolgerti direttamente ai tuoi clienti come se fossero seduti davanti a te. In questo modo, i tuoi contenuti saranno più coinvolgenti e i tuoi clienti potrebbero avere un interesse maggiore nelle tue offerte, portandoti ad avere un tasso di conversione più alto.

Includi un’anteprima

La maggior parte dei client di posta elettronica fornisce un’anteprima del contenuto di ciascuna email. Quindi, se le tue email non forniscono un’anteprima, è probabile che molti dei tuoi clienti o destinatari ignorerà la newsletter.

È meglio utilizzare un software di marketing digitale per creare una breve anteprima delle tue newsletter natalizie. Basteranno due righe per dare un’anteprima per convincere i tuoi clienti e per aumentare il tasso di apertura.

Concentrati sul Corpo della newsletter

Il corpo della newsletter dovrebbe essere composto da sezioni distinte e separate. Questo non solo ti semplificherà la creazione della newsletter, ma aiuterà anche i tuoi lettori a leggere con più facilità la newsletter.

A proposito di questo, puoi utilizzare diversi modelli di newsletter natalizie per velocizzare tutto il processo. Di seguito trovi alcune idee per creare la tua newsletter natalizia.

  • Introduzione: Crea un’introduzione breve e delicata. Puoi iniziare anche con un’affermazione forte o con una domanda.
  • Includi una storia: Narra una storia di Natale del tuo staff.
  • Storie di successo: Includi alcune storie di successo dei clienti per mettere in mostra i loro risultati.
  • Metti in evidenza le tue migliori pratiche: In questa sezione della tua newsletter puoi illustrare le tue migliori pratiche e le opinioni. Puoi per esempio condividere le opinioni degli esperti, le novità sui cambiamenti che avvengono nell’industria e che potrebbero interessare ai tuoi clienti.
  • Lifestyle: Puoi anche consigliare ai tuoi clienti un buon libro che possono leggere il giorno di Natale.

Design e immagini

Non dimenticare di includere il logo della tua azienda e alcuni colori vibranti sullo sfondo. Puoi scegliere tra moltissimi modelli partendo dai colori di base del tuo marchio, e con questi puoi assicurarti che la tua newsletter natalizia sia formattata in modo adeguato per i dispositivi che utilizzano i tuoi clienti.

Se il contenuto della tua newsletter è molto lungo, puoi posizionare il link di un URL oppure puoi includere un pulsante “Continua a leggere” in fondo alla pagina. Questo link dovrebbe portare i tuoi lettori alla pagina delle novità del tuo sito web o del tuo blog.

La tua newsletter natalizia dovrebbe inoltre contenere immagini, in modo tale da creare più coinvolgimento. Se la tua newsletter è interessante, i tuoi clienti la condividerebbero con i loro amici, e questo aumenterà ulteriormente il tasso di clic.

Tuttavia, utilizzare troppe immagini non è mai una buona idea. Puoi inserire alcune immagini per spezzare il contenuto della tua newsletter, ma quello che fa in modo che tu ti distingua dagli altri è la connessione personale che hai con i tuoi clienti, quindi puoi aggiungere le tue foto e quelle dei membri del tuo staff.

Segui le regole

Se stai inviando le tue newsletter natalizie a un grosso numero di clienti, assicurati di avere il loro permesso, e devi inserire un link “Annulla l’iscrizione” in fondo alla pagina. È meglio informare i destinatari sul perché stanno ricevendo queste email da parte tua.

Invia un test

Infine, prima di inviare la newsletter ai tuoi clienti, fai un test inviando prima l’email a te stesso: leggila tutta per assicurarti che non ci siano errori ortografici e grammaticali, in questo modo ti assicurerai che la tua newsletter sia progettata bene e sia priva di errori. Se non dovessi individuarli tutti, gli errori faranno una brutta impressione sui destinatari.

Se vuoi assicurarti che la tua newsletter natalizia sia abbastanza accattivante per aumentare il tasso di apertura, segui i consigli che ti abbiamo dato in questo articolo. Speriamo che questi consigli ti aiuteranno a sfruttare al meglio le tue newsletter questo Natale.

7 Errori di Email Marketing che Abbiamo Rilevato nel 2019

7 Errori di Email Marketing che Abbiamo Rilevato nel 2019

L’email marketing è la soluzione ideale per tutti i tipi di attività e di startup. Secondo gli studi effettuati nel 2018 dal DMA, la piattaforma di marketing ha fornito un ritorno sugli investimenti di quasi $32 per ogni dollaro speso su di essa.

Un altro studio effettuato da Emarsys ha rivelato che l’81% delle piccole e medie imprese si affidano alle email per l’acquisizione di clienti, mentre circa l’80% lo preferisce per la fidelizzazione dei clienti.

Tuttavia, non tutti coloro che utilizzano l’email marketing hanno ottenuto i risultati sperati, soprattutto a causa di errori comuni come quelli che elencheremo.

Mailpro può aiutarti ad evitare questi errori e a costruire il mercato che desideri. Ha un potente server e un sito interattivo che puoi utilizzare.

Nessun pulsante di Call-to-action nella newsletter

La Call-to-action (invito all’azione) è il modo più semplice per invogliare il cliente a svolgere un’azione o a cliccare sul link del sito web. È l’elemento all’interno della newsletter responsabile per la conversione del potenziale lead in un cliente. L’utilizzo di questi pulsanti aumenta il tuo tasso di clic di quasi il 50%.

Il pulsante generatore di Mailpro può aiutarti a integrare questi pulsanti di call-to-action nelle tue newsletter. Abbiamo un generatore avanzato per le newsletter che ti permette di progettarle con diversi tipi di pulsanti CTA inclusi i classici link HTTP, i link sicuri HTTP, i link “chiamami”, SIP, FTP e i link Skype. Il generatore di pulsanti di Mailpro ha inoltre un’opzione per il link “chiamami” per integrare le chiamate del telefono e il link “chat” per le chat di Skype.

Il generatore ti permette inoltre di personalizzare questi pulsanti a seconda del tema e del tipo della newsletter. Puoi scegliere diversi tipi di forme, misure, allineamenti, grandezza del carattere, sfondi, colori e bordi. Inoltre, possiamo creare questi CTA utilizzando l’HTML, il che li rende molto più leggeri dei pulsanti standard; si caricano molto più velocemente e possono apparire anche quando il server di posta elettronica non può mostrare le immagini.

L’utilizzo di newsletter pesanti

La creazione di email altamente creative piene di grafici è il primo istinto di tutti i pubblicitari: secondo loro i grafici e le immagini possono invitare maggiormente i clienti ad aumentare il tasso di clic. Sebbene queste componenti abbiano dei benefici, non funzionano sempre.

La maggior parte delle volte non fanno altro che appesantire la newsletter e, come risultato, si carica così lentamente che gli utenti la ignorano e passano oltre. Quindi cerca di ottimizzare sempre il contenuto della tua newsletter email. Puoi iniziare riducendo la tua email e utilizzando un semplice formato di testo, in aggiunta puoi ottimizzare le immagini e gli altri grafici per una performance migliore e per un caricamento più veloce.

Inoltre, molti consumatori utilizzano la modalità di solo testo per la casella di posta elettronica, quindi avrai bisogno di un piano B per rispondere alle esigenze di questi utenti. Ad esempio, puoi aggiungere del testo rilevante intorno alle immagini; in questo modo, anche se l’immagine non si carica, gli utenti avranno un idea di cosa si sono persi.

Newsletter non adatte ai dispositivi mobili

Non tutti guardano le tue email o il tuo sito web dal desktop; la maggior parte di essi utilizzano i tablet o altri dispositivi mobili. Secondo le statistiche, più dell’80% delle email che invii vengono visualizzate su questi dispositivi mobili. Ciò significa che se una newsletter non è reattiva e adatta a tutti gli schermi, perde più della metà del suo potenziale pubblico.

Il generatore di newsletter di Mailpro è una soluzione perfetta per l’ottimizzazione che ti serve. Puoi creare email che si caricano su qualsiasi schermo con la stessa velocità e modalità di visualizzazione, riducendo in questo modo il tasso di bounce delle tue email.

La parte migliore è che non ti serve nessuna abilità di codifica o di progettazione. L’email adatterà automaticamente le immagini, il contenuto e i grafici per i dispositivi mobili su cui vengono visualizzate. È presente anche uno strumento di pre-visualizzazione che ti aiuterà a controllare il risultato dopo l’ottimizzazione e prima dell’invio.

Inoltre, questo generatore di newsletter ti fornisce modelli reattivi già pronti e supporta la personalizzazione di Drag & Drop per la progettazione delle newsletter. Abbiamo temi per tutte le aziende e per gli eventi.

Pessimo oggetto dell’email

L’oggetto dell’email è la parte più critica dell’email che invii. È l’elemento che diventa visibile per gli utenti anche prima che lui/lei apra la tua email. Infatti, in molti casi, la frase che scriverai avrà un effetto diretto sulla decisione degli utenti di aprire l’email o di cancellarla. Quindi devi assicurarti di rendere l’oggetto interessante e breve, eppure diretto per il tuo obiettivo finale.

Puoi inoltre considerare l’idea di ottimizzarla con parole intriganti e CTA come “compra ora” o “gratuito.” L’utilizzo di un giorno o di un orario crea un senso di urgenza molto utile. In modo simile, è meglio utilizzare un’anticipazione breve e semplice del testo dell’email. Puoi avere dei benefici utilizzando anche caratteristiche uniche e un pizzico di humor.

A parte questi aspetti, puoi anche prestare attenzione alle parole che usi. Puoi anche utilizzare uno strumento anti-spam per evitare che gli oggetti vengano etichettati come spam.

Trattare tutti allo stesso modo

Non tutti gli abbonati e i potenziali clienti della tua lista di contatti ha le stesse esigenze e la stessa routine. Alcuni magari accedono alle email più volte al giorno, mentre altri vogliono riceverle settimanalmente o mensilmente. In modo simile, alcuni vorrebbero sapere dei nuovi arrivi mentre altri sarebbero più interessati agli sconti e alle promozioni lampo.

Se utilizzi lo stesso tipo di messaggi per tutti, rendi meno importante la tua email. Più del 60% di persone cancellano le email  se la trovano irrilevante. Inoltre, il 27% di loro annullerà l’iscrizione e il 23% la etichetterà come spam. Non solo danneggerai il tuo ritorno di email marketing, ma potresti allontanare per sempre un potenziale cliente dal tuo marchio.

Quindi devi sempre creare un sistema di categorizzazione per questo aspetto; puoi suddividere i potenziali clienti a seconda dell’età, della posizione geografica, dell’età, degli interessi, della lingua e di molti altri aspetti. Le ricerche e gli acquisti effettuati in passato possono aiutarti ad anticipare i loro interessi e a personalizzare le email. Sarebbe inoltre ideale chiedere ai clienti le loro preferenze nel momento in cui si iscrivono alla newsletter.

Email non personalizzate

Adattare la newsletter email per gli utenti individuali o per i gruppi è una parte considerevole dell’email marketing. Uno studio effettuato da eConsultancy ha rivelato che più del 74% dei pubblicitari credono che la personalizzazione possa aumentare i tassi di coinvolgimento. Adottare questa personalizzazione nella tua campagna email può aumentare il tasso di ritorno degli investimenti e aiutarti ad espandere la tua lista di abbonati.

Puoi facilmente integrare la personalizzazione nella tua newsletter con Mailpro. Il processo è molto semplice e intuitivo: devi semplicemente aggiungere i dettagli del contatto mentre carichi la lista degli indirizzi e inoltre creare campi di personalizzazione per loro. Questo strumento include 25 campi, incluso il cognome, la classe, il tipo, il nome e molto altro. Ti permette inoltre di creare campi per le promozioni e le offerte.

Quando avrai la lista, potrai usare questi campi per categorizzare il contatto e inviare le newsletter personalizzate.

Dopo la categorizzazione iniziale, puoi semplicemente selezionare la posizione in cui aggiungere questo elemento dinamico nella tua newsletter. Devi solo selezionare il punto, cliccare sull’icona, selezionare il campo che vuoi aggiungere e hai finito.

Inoltre, ti permettiamo di aggiungere questi campi personalizzabili nel tuo oggetto dell’email.

Link non funzionanti nelle newsletter

Lo spam è una delle ragioni principali per cui si ottengono tassi di clic bassi nelle tue email. L'industria del marketing è responsabile di più del 70% delle email spam su internet. Il problema può essere dovuto a vari fattori, inclusi bassi tassi di coinvolgimento, oggetti dell’email ingannevoli e uso ridotto della casella di posta.

Tuttavia, il motivo principale per questo problema è il tuo contenuto. Quasi i ¾ delle tue email finiscono nelle caselle di spam a causa del contenuto della tua newsletter. Il test anti-spam di Mailpro può aiutarti a ridurre questi tassi di spam. Lo strumento gratuito può testare le email cercando gli errori e altri problemi prima che tu proceda all’invio. Con questo strumento puoi anche assicurarti che non ci siano link non funzionanti o messaggi pesanti.

Lo strumento di anti-spam controlla inoltre il rapporto tra immagini e testo ed elimina le parole spam per ottenere risultati migliori. In conclusione, questo strumento ti fornisce un punteggio di spam come conferma del progresso.

Un’altra parte dello strumento è la sua facilità. Puoi anche accedervi cliccando sull’opzione “controlla spam” nel messaggio.

Le ultime parole

Mailpro è il miglior servizio per migliorare i risultati della tua campagna di email marketing. Ti aiutiamo ad evitare gli errori comuni e ad ottenere il massimo dalla tua campagna.

Chiedi ulteriori informazioni sugli strumenti di email marketing di Mailpro, oppure crea un account su Mailpro per ottenere 500 crediti gratuiti per i servizi.

La Migliore Strategia di Marketing del 2020

La Migliore Strategia di Marketing del 2020

L’email marketing inizia ad essere sempre più diffuso. Continua a cambiare, adattarsi e a migliorarsi a seconda del mutevole ambiente imprenditoriale, e governa come mai prima d’ora sull’industria del marketing online.

Secondo una stima fatta da Marketo, l’attività principale che si svolge su internet è quella di controllare le email. Circa il 94% degli utenti internet va online solo per controllare le email, che sono diventate senza alcun dubbio una parte importante della nostro cultura, in quanto forniscono un ritorno sugli investimenti di circa 39,40 $ per ciascuna email.

Nel 2010 sono state inviate circa 247 miliardi di email al giorno, e si prospetta che questo numero salga a 3027 miliardi nel 2020.

Queste cifre sono abbastanza interessanti da motivarti ad avviare una strategia di email marketing nel 2020. Quindi, per cosa dovresti prepararti e cosa ci sarà in cantiere nel prossimo anno? Diamo un’occhiata.

Crea una lista di contatti

Quando stai per avviare la tua campagna di email marketing, ti farai subito una domanda: ho una lista di contatti a cui mandare le email? Questo rende imperativo avere una lista di contatti pulita.

Sebbene tu possa essere tentato di acquistare un database da terze parti o di mandare email a caso prendendo gli indirizzi altrove, la regola principale è quella di assicurarti di non creare email spam.

È ovviamente inutile inviare un’email promozionale a un tedesco se il tuo negozio eCommerce è basato in Australia e offre solo spedizioni nazionali.

Inoltre, quando invii email personalizzate solo a un determinato pubblico, migliori nettamente i tuoi tassi di apertura e di clic, aspetti che ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi.

Per ottenere contatti di qualità e una lista di contatti pulita, devi convincere i tuoi utenti a iscriversi alla tua newsletter e Mailpro può aiutarti, assistendoti nella creazione di un modulo online con cui i tuoi clienti possono iscriversi facilmente alla tua newsletter.

La segmentazione al meglio

Con clienti intelligenti nasce la necessita di creare strategie di marketing intelligenti che possano essere personalizzate a seconda delle preferenze e dei comportamenti dei clienti. Per questo motivo è altamente consigliato di segmentare i clienti in modo dinamico, a seconda delle informazioni ricevute in tempo reale.

Questo ti permetterà di aggiornare la lista di contatti in base alle interazioni precedenti dei clienti con il tuo sito web, e inviare le email di conseguenza.

Mailpro è uno strumento eccezionale che ti aiuta a segmentare le tue email in base al tuo file contenente gli indirizzi. Puoi crearlo internamente, segmentarlo e tenere tutto ben organizzato.

Email facilmente accessibili e adatte ai dispositivi mobili

L’ultima cosa che dovresti fare è inviare email che non sono adatte ai dispositivi mobili e non sono accessibili per i tuoi utenti. Sai quale sarebbe il risultato? Tutti i tuoi sforzi andrebbero sprecati e non riusciresti a goderti la trazione prevista dai tuoi utenti.

Oggigiorno è necessario progettare le email in modo tale che possano essere lette da tutto il tuo pubblico, indipendentemente dal tipo di schermo su cui le visualizzano. Inoltre, potresti fare in modo che possano essere comprese anche dagli utenti disabili.

Si prospetta che nel 2020 ci saranno migliori tecniche di codifica email, quindi approfittane per progettare email altamente accessibili. Utilizza l’attributo ALT per ogni immagine che inserisci nell’email, in modo tale che anche gli utenti ipovedenti possano comprendere il contenuto dell’email.

Puoi progettare le tue newsletter reattive e le email con Mailpro, che ti fornisce un accesso veloce ai modelli reattivi per email. Inoltre puoi anche creare la tua newsletter con l’aiuto del generatore di email.

Personalizza ogni messaggio

Che tu ci creda o no, un messaggio personalizzato, come ad esempio quello con cui accogli l’utente scrivendo Ciao John ti farà ottenere un più alto ritorno sull’investimento se confrontato con un’email generale in cui si trova scritto solo Ciao oppure Caro utente!

È l’era della personalizzazione e sempre più clienti vogliono che le aziende li trattino in modo più umano, vogliono che le aziende si preoccupino per loro e non c’è modo migliore di farlo che con le email personalizzate.

Oltre a chiamarli con il loro nome, potresti anche inviare email a seguito di un loro acquisto recente, accettare il loro feedback, chiedergli se il procedimento di acquisto sia stato veloce, fargli gli auguri per compleanni e anniversari, e offrirgli sconti per le occasioni speciali.

Se la personalizzazione dell’email ti sembra troppo difficile, viene in tuo soccorso Mailpro. Lo strumento ti aiuta a creare email personalizzate permettendoti di inserire dinamicamente i dati nel tuo messaggio.

Automatizza le tue newsletter

L’automazione delle email è disponibile da molto tempo ed è migliorata sempre di più nel corso degli anni. L’integrazione dei servizi cloud nell’ambiente imprenditoriale, è diventato sempre più facile per le aziende accedere ai dati e utilizzarli per le loro strategie di marketing.

L’automazione non solo ti aiuta a inviare e a monitorare le email con il clic di un solo pulsante, ma ti aiuta anche ad analizzarne e a studiarne i risultati e a stabilire la definizione di parametri di riferimento delle prestazioni per un approccio più diretto.

Puoi anche migliorare la tua strategia di email marketing con il corretto uso dell’apprendimento automatico e delle tecniche di apprendimento profondo. Per migliorare ulteriormente il flusso di lavoro, puoi automatizzare le fasi del ciclo di vita dei clienti

Mailpro ti aiuta a creare una serie di email automatiche. Lo strumento ti permette di inviare un’email di benvenuto non appena qualcuno si iscrive alla tua newsletter e un’email di follow-up quando qualcuno abbandona il carrello e così via.

Call-to-action chiara nelle tue campagne

Non dimentichiamo che la tua campagna di email marketing è inutile se non contiene un’appropriata call-to-action in fondo all’email.

Come potrai persuadere i clienti a visitare il tuo negozio? Come li convincerai a usare il codice promozionale o a sfruttare la tua vendita stagionale?

È a questo punto che una call-to-action ben realizzata e posizionata può aiutarti reindirizzando i tuoi clienti ad effettuare l’azione appropriata e motivandoli a fare l’azione desiderata.

Mailpro ti permette di includere una vasta gamma di pulsanti di call-to-action a seconda delle tue esigenze. Puoi scegliere il classico link, quello sicuro, il link di messaggio per Skype, il link SIP, il link FTP e molto altro ancora.

Qualità, non quantità

Non si può negare il fatto che l’email marketing sia uno strumento importante che può migliorare la visibilità online del tuo marchio. Tuttavia, è altrettanto vero che non puoi continuare a bombardare di email i tuoi clienti nel tentativo di rendere più efficace la tua campagna.

A dire la verità, inviare email troppo di frequente potrebbe avere un effetto negativo: i tuoi utenti potrebbero cancellare l’iscrizione alle tue email se gli sembra di ricevere troppe comunicazioni. Inoltre, se superi il limite possono anche segnalare le tue email come spam, etichetta che peggiorerà come non mai la tua reputazione!

La cosa migliore è iniziare con poco e vedere come reagiscono i tuoi utenti alle email. Analizza i trend e usa le statistiche per definire il tuo piano d’azione.

Il tempismo è importante

Scoprire il momento perfetto per inviare le email è estremamente importante. Anche se purtroppo non abbiamo la risposta perfetta per poter ottenere la trazione migliore, possiamo sicuramente aiutarti dandoti dei consigli e idee.

Ti consigliamo di inviare le tue email il martedì per ottenere un maggiore coinvolgimento. Tuttavia, puoi anche utilizzare i dati ricavati dalle tue campagne precedenti e capire in questo modo cosa sia migliore per te.

Seguendo le regole base, dovresti sempre inviare le tue email nei momenti più tranquilli della giornata e non in quelli più impegnativi; questo perché se invii le tue email il lunedì intorno a mezzogiorno, c’è un’alta probabilità che non verranno notate dai tuoi utenti in quanto potrebbero essere impegnati a fare altro. D’altro canto, inviarle all’ora di pranzo e la sera aumenta la probabilità che vengano aperte.

Inoltre, invia le tue email a un orario particolare, ad esempio alle 10:13 invece che alle 10:00. Questo perché inviare le email in un orario perfetto le ritarda e il destinatario potrebbe non riceverle quando dovrebbe.

Provalo!

È importante menzionare che il contenuto della tua newsletter ha un ruolo importante nel determinare lo stato della tua email, ovvero se sia o meno spam. È in questo che ti aiuta Mailpro, svolgendo un veloce test anti-spam che ti permette di avere un punteggio spam, e ti fa evitare le parole spam, i link rotti e si assicura che la tua email non sia considerata spam.

Ti aiuta inoltre a condurre un test A/B e a fare una statistica multivariata che ti aiuta a prendere decisioni pensate.

Le conclusioni

Poiché le campagne di email marketing stanno diventando sempre più avanzate, è giunto il momento che tu utilizzi le migliori strategie e le migliori pratiche per creare una campagna di successo. Devi semplicemente seguire i consigli menzionati sopra e nel 2020 riuscirai a creare una strategia di email marketing che si distingue da tutte le altre.

Che cosa ne pensi? Facci sapere cosa ne pensi nei commenti.

L’Evoluzione dell’Email Marketing

L’Evoluzione dell’Email Marketing

La maggior parte degli utenti email delle aziende ricevono più di 100 email e ne inviano più di 30 giornalmente. In altre parole, inviare email e leggerle richiede molto tempo. Non è avvenuto all’improvviso, ma tramite un processo. In questo articolo daremo un’occhiata all’evoluzione dell’email marketing.

Se sei un utilizzatore di email, potresti ricevere ogni giorno. Anche se non invii nessuna email, ricevi comunque molti messaggi nella casella di posta da dover controllare ogni giorno. Queste compagnie o aziende inviano le email per scopi di marketing.

Ora la domanda è, come hanno iniziato le aziende a utilizzare le email per pubblicizzare i loro prodotti e servizi? Risponderemo nel dettaglio a questa domanda e parleremo inoltre del percorso che sta facendo l’industria del marketing.

La storia inizia nel 1978 con Gary Tuerk, il manager di marketing di una famosa corporazione nota come Digital Equipment Corp. Il compito di Gary era quello di promuovere il TSeries dei sistemi di cera. La Digital Equipment Corporation aveva centinaia di clienti, quindi Gary decise di trovare un modo per contattare tutti nello stesso momento, per risparmiare tempo e denaro.

La nascita dello spam

I computer Apple nacquero nel 1976. La Digital Equipment Corporation decise di estendere l’architettura PDP-11 e scelta la 32 bit. A parte questo, l’azienda decise inoltre di includere un sistema di memoria virtuale, quindi quello finale era un’estensione dell’indirizzo virtuale per l’architettura VAX.

Il VAX-11/780 è stato il primo computer che ha integrato questa architettura di computazione. DC chiamò questa macchina “super mini-computer” T-Series, l’ultimo modello del suo super computer.

Gary voleva trovare un modo per comunicare con i clienti dell’azienda; in altre parole stava cercando un tipo di tecnologia che gli avrebbe reso possibile comunicare contemporaneamente con i clienti che si trovavano sui lati opposti del continente americano. Non voleva scrivere email singole per ogni cliente, quindi, con l’aiuto del suo assistente, inviò un’email unica su un evento informativo a 400 clienti.

Come risultato, l’azienda fece un record di vendite. Nel 2007 Computer World ha intervistato Gary, che in risposta a una domanda ha rivelato che il nuovo modo di inviare email aveva portato a un profitto di 14 milioni di dollari. La corporazione riuscì a vendere tante macchine DC per arrivare a un valore di circa 14 milioni di dollari.

Gary disse anche di aver ricevuto molte lamentele da parte dei clienti, ma i benefici le superavano di gran lunga.

"spam" è il termine che è emerso più avanti. Non è chiaro come il termine “spam” sia stato associato all’email marketing, anzi, non è chiaro l’origine dell’email stessa. Secondo alcune persone la parola è stata presa da un siparietto comico di Monty Python nel 1970. Altri credono che la sua origine derivi dal primo ambiente condiviso in tempo reale, che veniva chiamato MUD (multi user dungeon).

La decisione presa da Thuerk ha portato a una rivoluzione nel mondo delle strategie dell’email marketing una volta per tutte. Le aziende hanno iniziato a inviare centinaia di email indesiderate a una grande lista di utenti.

L’Evoluzione dell’Email Marketing

Email marketing e telefoni cellulari

Il mondo vide il primo smartphone nel 1992, e in questo modo i proprietari dei cellulari potevano inviare e ricevere email. Apple rilasciò il suo primo smartphone nel 2007 e gli venne dato il nome di iPhone. Secondo un annuncio fatto da Apple nel 2011, la compagnia aveva venduto più di 100 milioni di iPhone. Un altro rapporto ha rivelato che più del 75% di utenti di iPhone in Gran Bretagna aveva utilizzato lo smartphone per inviare email. Infatti oggigiorno l’invio e la ricezione di email sui cellulari è una delle attività più popolari.

Secondo un rapporto rilasciato nel 2012, più del 40% delle email inviate per scopi di marketing erano state ricevute sui dispositivi mobili. Visto che la maggior parte dei clienti leggevano le email sui cellulari, gli esperti di marketing decisero di provare a trovare nuovi modi per far sì che le email apparissero al meglio sui dispositivi.

Nello stesso periodo, i siti dei social media iniziarono ad avere un grande impatto sulle campagne di marketing che utilizzavano le email. Nel 2006, Facebook fu reso disponibile per gli utenti comuni e per la fine dell’anno contava più di 100mila pagine di aziende. Quindi molte aziende iniziarono ad utilizzare Facebook per attirare potenziali clienti.

Questa era l’era in cui i consumatori potevano comunicare con diverse aziende utilizzando mezzi diversi, come email, Facebook e Twitter. Quindi in paio di anni, l’importanza della gestione e della raccolta dei dati è aumentata significamente. Di conseguenza, l’attenzione si è spostata dai computer desktop a due tipi di dispositivi mobili, ovvero cellulari e tablet.

Email automatiche e ricevitori

Oggi, la maggior parte degli esperti di marketing conoscono l’importanza dell’automazione delle email. L’automazione permette ai promotori di inviare email nei momenti migliori per ottenere una maggiore conversione.

La buona notizia è che puoi utilizzare un software di automazione del marketing per automatizzare le email senza sprecare denaro.

Per poter usufruire dell’automazione devi utilizzare una piattaforma di marketing o di email.

L’uso di foto e di Gif nelle email

In breve tempo i promotori iniziarono a includere le Gif nelle loro newsletter, per una migliore percezione. Visto che i formati delle immagini sono PNG o JPEG, funzionano su quasi tutti i client di posta elettronica. Anche se la Gif non viene mostrata, il primo fermo immagine è sempre visibile, quindi gli abbonati non si confondono. Le Gif vengono utilizzate per i seguenti scopi:

  • Aggiungono umorismo
  • Rendono le email più amichevoli e accattivanti
  • Creano interesse
  • Aggiungono divertimento
  • Aggiungono intrigo

Il futuro

L’email marketing non è mai stato così popolare, in quanto le campagne di email marketing si concentrano su pubblicità estremamente personalizzate. Quindi le email di oggi sono personalizzate a seconda delle necessità e degli interessi dei clienti.

I promotori in questi anni stanno affrontando molte difficoltà a causa della collusione tra le leggi di protezione dei dati sia regionali che nazionali e il commercio globale.

In Europa, la Commissione Europea ha fatto entrare in vigore il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati nel 2018. Lo scopo di questo regolamento è quello di unificare e rafforzare la protezione dei dati per le persone che si trovano all’interno dell’Unione Europea.

È questo il processo che ha affrontato l’email marketing. Oggi le email sono uno dei mezzi migliori con cui le aziende possono condurre le loro campagne di email marketing, e la maggior parte di esse sta ottenendo il massimo dall’uso di questa tecnica.

Crea e Invia Newsletter Professionale Facilmente Utilizzando i Nostri +560 Modelli di Newsletter

Mailpro

EMAIL MARKETING NON SARÀ UN SEGRETO PER VOI

Mailpro
Fase 1: Nozioni di base
Allenatevi in cinque fasi: il targeting, la creazione, la sperimentazione, l'invio, analizzare. Scarica la nostra guida Email Marketing gratis!
LEGGI DI PIÙ
Mailpro
Fase 2: Preparatevi con Mailpro
Scopri il software di posta elettronica Mailpro che ti accompagnerà in tutte le tue campagne di Email Marketing. Crea un account gratuito ora per provarlo!
LEGGI DI PIÙ
Mailpro
Fase 3: Informati con la nostra Email Marketing Blog
Ottenere informazioni preziose su Email Marketing: tecniche, best practice, notizie di attualità, e suggerimenti su come realizzare una campagna di email marketing.
LEGGI DI PIÙ

UTILIZZARE LA SOLUZIONE SVIZZERA NUMERO 1 PER EMAILING CLOUD PER LE PMI, MAILPRO!

Mailpro

SCOPRI ANCHE ALTRI TEMI

Rubrica
Tutte le tecniche per reclutare nuovi potenziali clienti, segmentare un database, rilanciare quelli inattivi e mantenere un database pulito.
Design e Creazione
I nostri esperti consegnano qui tutti i segreti per un'e-mail moderna, ergonomica e originale che delizierà le tue prospettive!
Consegnabilità
Il routing della posta elettronica può sembrare a volte tecnico: qui chiarezza e semplicità e suggerimenti per garantire la consegna.
Inseguimento
Le statistiche via email sono cruciali per valutare l'efficacia di una campagna e il suo ROI. Qui, si tratta di registrare tutti gli strumenti disponibili per effettuare un monitoraggio efficace.
Redazione
Non bloccare la scrittura della tua materia e le tue e-mail grazie alle tecniche editoriali dei nostri esperti!
Legislazione
Non siamo tutti avvocati o avvocati, ma questa sezione ti offre di fare il punto sulle regole che devono essere rispettate nell'e-mail marketing.
Eventi
E-mail marketing sono anche incontri, quindi scopri tutte le date degli eventi da non perdere.
Partenariati
Email marketing del blog ha partner e tu fai uso delle loro capacità. Scopri i mestieri dei nostri partner in questa sezione.