X

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG


E ricevi gli ultimi post sull'Email Marketing

No grazie

Consegniamo i tuoi messaggi

da più di 20 anni

CREA UN ACCOUNT

Vantaggi dell’autenticazione a due fattori per accedere all’account Mailpro

Nel mondo di internet, la sicurezza è diventata un elemento fondamentale. Gli hacker superano le password più complesse e i migliori standard di sicurezza. Fortunatamente, tutto questo può essere fermato con l’autenticazione a due fattori. L’autenticazione a due fattori è un meccanismo di autenticazione utilizzato per controllare due volte che la tua identità sia legittima. Nelle campagne email, quest’autenticazione è estremamente efficace. Quando accedi al tuo account di Mailpro, ti viene chiesto di autenticarti con un username e una password, e questo è il primo strato di verifica. Il secondo strato di sicurezza è un passaggio aggiuntivo del processo e riconfermerà la tua identità. Lo scopo principale dell’autenticazione a due fattori è quello di ridurre i rischi di frode e complicare la vita agli hacker.

 

Vantaggi dell’autenticazione a due fattori per accedere al tuo account Mailpro

 

Dati più sicuri

 

L’username e la password degli utenti sono facili da hackerare e sono i dati più vulnerabili, soprattutto quando le password sono facili da indovinare. Ad esempio, quando viene attivata l’autenticazione a due fattori, l’hacker ha bisogno di password, username e l’accesso al cellulare dell’utente, e questo riduce la possibilità di frode. D’altra parte, l’autenticazione a due fattori rende più sicuri i dati utilizzando un codice segreto e scannerizzando un codice QR impossibile e difficile da hackerare.

 

 

Riduzione dei costi di Supporto/Supporto cliente

 

Una delle principali problematiche affrontate dagli utenti è il fatto che le password vengono dimenticate. Senza l’autenticazione a due fattori, è praticamente impossibile recuperare le password. Il recupero è possibile solo attraverso il supporto clienti, il che aggiunge un alto numero di ore di lavoro e di costi. Tuttavia, l’autenticazione a due fattori può aiutare e ridurre queste spese e le perdite di tempo offrendo un metodo sicuro e protetto per permettere agli utenti stessi di resettare le password.

 

Aumento della fiducia dei clienti

 

Agli utenti piace sapere che i loro dati sono protetti e sicuri con Mailpro. Anche se i passaggi aggiuntivi di verifica possono sembrare inutili e irritanti, gli utenti apprezzano e si fidano di una società che prende precauzioni per metterli in sicurezza e proteggerli con serietà.

 

Semplificare il processo di accesso

 

L’invenzione dell’accesso unico ha semplificato l’autenticazione a due fattori. Un’OTP (one-time password – password valida una sola volta) è una stringa di caratteri, numeri o lettere inviata all’utente per aver provato a effettuare un singolo accesso. Infatti, l’OTP può essere facilmente inviato a un cellulare attraverso chiamata o SMS, assicurando credenziali, dati e servizi web-based privati. Le password valide una sola volta riducono anche il rischio di frodi, inviando PIN e codici unici, particolari e tempestivi ai cellulari degli utenti attraverso notifiche push, telefonate o SMS.

 

Facile da implementare

L’autenticazione a due fattori è tra le cose più economiche da implementare. Finché Mailpro lo supporta, cosa che certamente fa, l'implementazione della 2FA può essere virtualmente non intrusiva, con il risultato di non avere tempi morti, indipendentemente da tutto.

 

In conclusione, l'autenticazione a due fattori è uno strumento efficiente che rafforza la sicurezza, monitora la prevenzione delle frodi, aggiunge la riduzione del supporto e rende il tuo account Mailpro completamente sicuro.

 

 

Consigli per la tua newsletter estiva

Diciamoci la verità… le newsletter sono uno dei metodi più efficaci che ha a disposizione la tua azienda per comunicare le ultime notizie e gli aggiornamenti ai follower e ai clienti. Sono molto utili per generare vendite e lead, permettendo al tuo business di crescere. Oltre a questo, potrai monitorare con successo le prospettive e registrare il loro livello di interesse quando le usi per le campagne email.

 

Durante l’estate, i clienti sono più rilassati e pensano principalmente al divertimento, alla famiglia e agli amici, quindi l’email marketing dovrebbe essere fatto in modo diverso. Se invii newsletter estive nel modo in cui dovrebbero essere, c’è un’alta possibilità che potrebbero portarti clienti fedeli e un aumento delle vendite.

 

Consigli per l’invio di newsletter estive

 

In estate puoi trovare molte date, eventi e vacanze che ti danno un’idea generale dell’argomento dell’email. Poi puoi aggiungere un obiettivo specifico per attrarre potenziali clienti e far spiccare il tuo marchio rispetto a tutti gli altri. Ci sono la Festa del Papà, il Memorial Day, il Flag Day e molti altri giorni in cui puoi inviare una newsletter che mantenga l’interesse dei tuoi clienti prendendo in considerazione queste giornate speciali. A seguire troverai i consigli per una newsletter estiva che farà risaltare il tuo marchio.

 

  • Sii scherzoso e divertiti

 

Nei mesi estivi, l’umore di tutti è più leggero. Quindi, invece di inviare una newsletter noiosa, dovresti adattarti al sentimento generale per metterli dell’umore giusto. Puoi sorprendere i tuoi abbonati inviando un giornale interessante con un cruciverba divertente. Assicurati di usare un colore a tema perfetto per l’estate per attirare l’attenzione dei tuoi abbonati. Divertiti con il design della newsletter e per tenere interessato il tuo pubblico.

 

  • Semplifica lo shopping

 

I telefoni cellulari sono diventati più una necessità che un lusso. Quindi, quando invii una newsletter ai tuoi abbonati, assicurati che sia compatibile con i dispositivi mobili e che gli permetta di acquistare facilmente i prodotti. Non dimenticare di ottimizzare le grafiche e il testo per renderli più reattivi e facili da navigare sugli schermi più piccoli. Quando progetti i pulsanti CTA, assicurati che siano elementi cliccabili chiaramente visibili. Per i CTA utilizza colori vivaci e inseriscili all’inizio della newsletter così che i tuoi abbonati li vedano subito e possano compiere l’azione senza troppi problemi.

 

  • Dai ai clienti ciò di cui hanno bisogno

 

Quando iniziano le vacanze estive, tutti sono alla ricerca di nuovi vestiti da comprare: costumi da bagno, bikini e molto altro… sono tutti pronti a fare shopping per la stagione estiva. È il momento perfetto per inserire tutti gli accessori estivi nella tua newsletter. Il tuo obiettivo principale è quello di semplificare lo shopping ai tuoi clienti e di ricordargli ciò di cui hanno bisogno per le loro giornate di vacanza.

 

  • Fai qualche regalino ai tuoi abbonati

 

A tutti piacciono le spedizioni gratuite, i coupon, le promozioni e gli affari dello shopping online. La tua newsletter estiva è perfetta per poter viziare i tuoi abbonati e fargli qualche regalino.

 

  • Utilizza le immagini per creare l’atmosfera giusta

 

Se vuoi che i tuoi iscritti si sentano coccolati, usa delle belle foto nella tua newsletter. Online puoi trovare una vasta scelta di foto gratis. Assicurati di usare foto originali per creare un'esperienza più personalizzata.

 

Riassumendo…

 

Mailpro offre una vasta gamma di modelli estivi per le newsletter che ti permettono di divertirti per personalizzare i tuoi contenuti. Grazie a Mailpro è facile creare una newsletter per inserirla nella tua campagna di email marketing, così da incrementare e migliorare il tuo business.

 

 

 

Condividi una lista di email tra utenti

Diciamoci la verità, al giorno d’oggi, i team moderni lavorano trasversalmente e in remoto tra tutti i dipartimenti e i fusi orari. Sebbene le email continuano ad essere il metodo predominante usato per comunicare, non è particolarmente funzionale in un ambiente collaborativo. In qualità di metodo di comunicazione uno-a-uno, l'email soddisfa le esigenze del team moderno. Quando si crea una campagna email, è fondamentale che il team abbia a disposizione una lista di email.

 

Per semplificare il lavoro degli utenti, Mailpro ha introdotto una lista di condivisione della posta elettronica tra gli utenti. Si tratta di una delle soluzioni ideali per il moderno flusso di lavoro, la comunicazione trasparente e la collaborazione di squadra. Le liste di email condivise aiutano a collegare i team. Sia che si lavori nello stesso dipartimento, sia che si lavori in team, in diversi posti di lavoro, uffici o settori, con una lista condivisa di email è possibile lavorare al meglio in modo trasparente e collaborativo.

Benefici della condivisione di liste email tra gli utenti

Permette al team di collaborare

 

Quando le email vengono condivise tra gli utenti, la collaborazione diventa più facile, poiché sanno cosa c'è nelle email e di cosa si tratta. In precedenza, quando le liste di email non erano condivise, inoltrarle ai colleghi in CC o FYI era disordinato.

Offre responsabilità e trasparenza

La lista condivisa di email tra gli utenti offre responsabilità e trasparenza. È possibile delegare e condividere le email con tutto il tuo team. Infatti, tutti possono vedere la cronologia e la catena delle email, favorendo una trasparenza chiara. Quindi, non è necessario rincorrere i tuoi colleghi per condividere una lista di email per avere informazioni. Grazie a Mailpro, non è necessario preoccuparsi di ottenere informazioni su una specifica email, in quanto gli utenti hanno già una lista di email accessibile.

Sicuro e facile da monitorare

Le email sono ottimi canali di comunicazione che non sono stati progettati per funzionare come uno strumento di collaborazione di squadra. Quando si condivide una lista di email con il proprio team, ognuno può facilmente gestire quelle in uscita e quelle in entrata. Inoltre, non è necessario fornire lunghe catene di email.

 

Noi di Mailpro ti aiutiamo a condividere le liste di email tra gli utenti in modo semplice e diretto. Come l'account multi-utente di Mailpro per il team di email marketing, anche questa funzione contribuisce molto al successo di una campagna email.

 

 

Account multi-use per team di email marketing per una collaborazione efficiente

Una campagna di email marketing coinvolge molte persone e tutte hanno ruoli diversi, seppur collegati l’uno all’altro. La collaborazione è fondamentale per semplificare e per rendere efficace una campagna, così Mailpro è lieto di introdurre un account multi-user. Questo è uno degli strumenti migliori per le campagne di email marketing per permettere la collaborazione tra diversi team in un solo account. Per semplificare, se la tua campagna email coinvolge più di una persona e vuoi che il tuo team sia sulla stessa pagina, questo strumento è adatto a te. Scopriamolo nel dettaglio.

 

Cos’è l’account multi-user di Mailpro? 

 

Sia che il tuo team voglia fare delle correzioni o che il cliente voglia un resoconto in tempo reale o che vari team stiano lavorando alla campagna email di un cliente, l’account multi-user di Mailpro è perfetto per te! La funzionalità multi-user ti permette di collaborare con clienti, impiegati, colleghi e altri specialisti per gestire gli utenti, creare splendidi modelli, gestire liste, ecc.

 

Grazie a questo tipo di account, più utenti possono effettuare l’accesso con lo stesso account per svolgere il loro lavoro a seconda del livello di permesso. Questo significa che puoi avere un solo account per gestire un intero team di marketing e che non ci saranno fraintendimenti poiché viene tutto condiviso. Al tuo team di marketing puoi consentire l’accesso alle sole statistiche delle campagne e non alla parte amministrativa dell’account.

 

A cosa serve l’account multi-user di Mailpro?

 

Ti chiedi a chi possa essere utile l’account multi-user di Mailpro? È adatto a chiunque lavori in un team per una campagna, ad esempio:

 

  • Agenzie di marketing, dove diversi team lavorano con account cliente di email marketing
  • Server Message Block dove i consulenti esterni assistono il capo del marketing.
  • Le grandi aziende in cui diversi team lavorano con le attività di email marketing del team.

 

Come funziona?

 

Non c’è niente di complicato. Il proprietario dell’account può semplicemente permettere a vari team di lavorare con gli account Mailpro. Ciascuno di loro ha un username e una password univoci. In qualità di gestore dell’account, puoi assegnare diversi ruoli ai vari membri e puoi anche limitare determinate azioni nell’account e impedire che accedano alle informazioni più sensibili, come ad esempio le impostazioni dell’account, le informazioni di pagamento e molto altro. Scopriamo tutto nello specifico.


  • Assegnare ruoli specifici a diversi membri del team

 

L’account multi-user ti permette di scegliere il livello di accesso che vuoi assegnare a ciascun membro. In quanto gestore dell’account, puoi controllare cosa possono vedere i membri e cosa possono fare all’interno dell’account, in questo modo tutti hanno un ruolo molto chiaro.


  • Gestisci l’account del tuo cliente in un unico posto

 

Mailpro facilita la gestione di una campagna di marketing. Ti permette di connetterti con i clienti, garantendo una facilità di movimento ogni volta che ne hai bisogno.

 

Benefici dell’account multi-user di Mailpro

L’account multi-user di Mailpro è equipaggiato con moltissimi benefici, elencati in questa lista.

 

Lavoro di squadra

 

L’account multi-user di Mailpro ti permette di creare un team con vari utenti per le tue attività di marketing email. Tutti (impiegati, consiglieri esterni, marketer, copywriter e molti altri) possono far parte di un account della campagna con diversi livelli di permesso.

 

Privacy

Solo il gestore dell’account può creare e modificare le campagne di email marketing. Nessun altro può accedere alle informazioni di pagamento e alle impostazioni dell’account. Questo significa che negli account multi-user di Mailpro la privacy sarà sempre protetta.

 

Controllo del team e gestione dell’utente

 

Il gestore dell’account può tenere traccia dei progressi degli utenti, assegnare nuove attività o chiedere cambiamenti in un lavoro svolto in precedenza. Inoltre, nel caso in cui ci sia un cambiamento nello staff, potrà togliere l’accesso al precedente utente dell’account e aggiungerne uno nuovo. Non c’è bisogno di trasferire i dettagli del login rischiando così una perdita di dati.

 

Gestione dei permessi

 

Il gestore dell’account ha tutti i diritti per approvare o rifiutare l’aggiunta degli utenti. Inoltre, il gestore dell’account può rinnovare o revocare i permessi di livello degli utenti in qualsiasi momento.

 

Accedi all’account multi-user di Mailpro e gestisci il tuo team

 

Puoi accedere all’account multi-user facendo l’accesso su Mailpro e poi cliccando nella sezione “Gestione utente”. Nella stessa sezione puoi svolgere tutte le attività con svariati utenti. Puoi creare nuovi tenti e impostare permessi univoci per ciascuno di loro. Ti permette di tenere tracia delle attività dei sub-utenti e modificare i loro permessi di livello. L’account offre varie opzioni per organizzare con efficacia i compiti del tuo team.

 

In conclusione

 

Il gestore dell’account multi-user di Mailpro ha tutti i permessi per effettuare dei cambiamenti. Tuttavia, gli account di sub-user hanno un accesso ristretto e il loro account possono essere bloccati o chiusi solo dall’account amministratore.

Migliorare i tassi di clic sulle campagne di email marketing con il curiosity gap

 

Sai qual è una delle più importanti sfide da affrontare nelle campagne di email marketing?

Forse non sono né i tassi di apertura delle email o la deliverability, ma è invogliare gli utenti a fare un’azione e cliccare sulle campagne email quando il destinatario apre e legge il contenuto dell’email.

Questo si chiama “tasso di clic”. 

La maggior parte dei professionisti di email marketing ha problemi con i tassi di clic. 

Infatti, quasi tutti i marketer email hanno problemi con questo aspetto e vogliono incrementarlo. Uno dei principali problemi che devono affrontare è il curiosity gap 

Prima di iniziare, assicuriamoci di essere sulla stessa pagina 

Cos’è il tasso di clic?

Il clic email o email CTR non è fantascienza. È fondamentalmente il rapporto di clic sui link nelle email della campagna. In parole semplici, il numero di abbonati ha cliccato su uno qualsiasi dei link che si invia loro tramite un'email di marketing è noto come tasso di clic 

Supponiamo di inviare una campagna email a 1000 persone e 20 di loro hanno cliccato sui link inviati, allora il tasso di clic sarebbe del 2%.

Se le impressioni sono più alte in numero e il tasso di clic è inferiore alla media, significa che o la tua pubblicità non è abbastanza interessante, oppure che hai inserito le parole chiave sbagliate

Qual è il problema?

 

Il problema è la mancanza di curiosità nella tua email.

Certo, se il contenuto della tua email non è interessante o non coinvolge visivamente i tuoi utenti, nessun destinatario ci cliccherà sopra. La mancanza del curiosity gap è uno dei principali problemi nelle campagne di email marketing ed è importante eliminarlo.

Mailpro è uno dei principali provider di software di email marketing che ti aiuta a personalizzare la campagna di email marketing, fornendo allo stesso tempo un curiosity gap ideale nella campagna email che migliora i tassi di clic 

Implementa un curiosity gap nelle campagne di email marketing sfruttando la curiosità del tuo pubblico e persuadendo gli utenti a cliccare sui link contenuti nell’email.

Tieni in considerazione che se non dai un incentivo al tuo pubblico per cliccare, non saranno minimamente interessati ad aprire l’email 

Il curiosity gap incrementa l’interesse del tuo pubblico tenendolo informato sulle novità interessanti di cui non erano a conoscenza e poi mostrandogli l’oggetto della tua email.

Come il curiosity gap aiuta a incrementare i tassi di clic

Ed eccoci giunti alla domanda più importante: come può il curiosity gap aiutare a migliorare i tassi di clic 

Far appassionare il tuo pubblico al primo sguardo è la sfida principale dei marketer di email. Creare un oggetto che stimoli l'azione è la parte più cruciale di un'email. Dovrebbe costruire un curiosity gap e essere riempito cliccando sul link all'interno dell'email.

Affinché le email finiscano nelle caselle di posta primarie dei lettori, Mailpro implementa i suggerimenti più utili.

Creando periodicamente potenti Call-to-action, domande personalizzate e molto altro, MailPro è in grado di mettersi nei panni dell'abbonato per conoscerlo meglio e creare una campagna di email marketing personalizzata che aumenta la sua frequenza di clic.

Questi sono i modi per creare un curiosity gap sulla tua campagna di email marketing per migliorare i loro tassi di clic.

 

●      Sfruttare gli stimoli emotivi

 

Ammettiamolo: la maggior parte del contenuto dell'email è spazzatura, ma un aspetto che è stato ben presentato è stato l'utilizzo di stimoli emotivi. Quando determini l'esatta emozione adatta al tuo pubblico, assicurati che senta qualcosa quando apre la tua email.

Se il contenuto della tua email ha colpito le emozioni dei destinatari, questi sicuramente cliccheranno sul link, e così, il tuo CTR aumenta.

 

●      Rispetta i tuoi lettori

 

Uno dei modi migliori per mantenere la credibilità è dare rispetto ai tuoi lettori. A tale scopo, è cruciale presentare dei titoli di permesso. La linea dell'oggetto è l'impressione iniziale che suscita la curiosità dei destinatari, permettendo loro di agire.

 

A volte potrebbe essere inutile per loro, ma poiché è molto interessante e stimola la loro curiosità, non potranno fare a meno di aprirla..

●      Concentrati sulla qualità del contenuto

 

Niente contenuti superflui, né riempitivi! Questa è una regola di base delle campagne di email marketing. Sebbene la maggior parte dei content writer capisca il valore del contenuto di qualità, spesso mancano il bersaglio quando scrivono contenuti per campagne di email marketing dove il tasso di clic è l'ancora di salvezza

Per creare un curiosity gap, assicurati di avere 4-15 caratteri di oggetto accattivante che spinga i lettori a cliccare sull'email, a leggerla e a cliccare sul link al suo interno. Il contenuto principale dovrebbe concentrarsi sui fattori con cui possono fare riferimento e il link per ottenere la soluzione finale che stanno cercando.

●      Invia un’email al momento giusto

 

I giorni migliori per inviare un'email per ottenere il più alto CTR sono il lunedì e il martedì, mentre il giorno peggiore è il sabato. Trovare il momento giusto in cui le persone aprono, leggono e compiono un'azione è cruciale. È noto come CTO o tasso di apertura. Il momento migliore per inviare un'email che massimizza i tuoi tassi di apertura, così come i tassi di clic, è prima e dopo l'orario di lavoro (durante il giorno).

 Indubbiamente sfruttare il curiosity gap ha molti vantaggi come:

  • Incrementa il traffico sulla pagina e le visualizzazioni
  • Rende il contenuto virale
  • Incrementa la credibilità del marchio e la diffusione
  • Incoraggia più coinvolgimento con pubblicità a pagamento

Incrementare i tassi di apertura delle email e di clic può essere difficoltoso per molte aziende, è per questo che MailPro semplifica le cose. Con un software di marketing online all’avanguardia, Mailpro aiuta nella creazione di una newsletter perfetta e di campagne di email marketing, tenendo sempre in considerazione il curiosity gap.

L’importanza dei pre-header delle email

I marketer si impegnano molto per assicurarsi di ricevere quanta più visibilità possibile attraverso l’email marketing. Solo negli ultimi cinque anni, le persone che utilizzano i dispositivi mobili hanno incrementato l’utilizzo delle email del 30%. Ad oggi, il numero di persone che utilizzano le email sui dispositivi mobili hanno superato il numero di quelle che usano i desktop. Sebbene vengano prese in considerazione vari fattori per creare il perfetto email marketing, il pre-header viene solitamente sottovalutato nelle email. Eppure, può essere una considerazione essenziale che aiuta a incrementare vendite e i profitti, migliorando il ritorno sugli investimenti del tuo budget di marketing.

In questo articolo, parleremo di cosa sia un pre-header, come possa essere usato per creare le campagne marketing più efficaci che incrementano i tassi di apertura e azione.

Cos’è un pre-header?

Il pre-header segue il soggetto in un email quando viene aperta nella casella di posta. È una funzionalità utilizzata per analizzare il contenuto dell’email. Le persone che ne ricevono molte nel corso della giornata potrebbero non voler aprire ogni email di marketing. In qualità di marketer, puoi utilizzare i pre-header per colpire i clienti o per attirare la loro attenzione per fargli aprire l’email.

È necessario avere un riassunto interessante delle informazioni che si vogliono fornire nell’email o nel messaggio, ed è in questo caso che entra in gioco il pre-header. È un ottimo strumento per incrementare il tasso di apertura e viene anche usato per indicatori essenziali di performance.

Se si utilizza efficacemente il pre-header e si inviano 100 email, è possibile controllare la frequenza di bounce per sapere quante persone stanno ricevendo le informazioni. Per esempio, se 30 email rimbalzano indietro, allora le altre 70 persone sono state probabilmente in grado di leggere il pre-header e ottenere le informazioni.

Se il tasso di apertura delle email è relativamente alto, allora il pre-header è efficace, e non c'è bisogno di fare ulteriori modifiche. Tuttavia, se si nota un basso tasso di apertura, c'è la necessità di regolare il pre-header e correggerlo.

Ci sono alcune buone pratiche quando si tratta di scrivere pre-header. È necessario conoscere a fondo il contenuto dell'email prima di progettare la pre-header. Bisogna provare a capire cosa si vuole trasmettere esattamente al lettore e tralasciare ogni parte del messaggio che non deve trasparire quando il lettore apre la casella di posta.

Quanto è lungo un pre-header?

È necessario monitorare la lunghezza del pre-header, che non dovrebbe contenere più di 100 caratteri. Una lunghezza maggior porterebbe le persone a perdere interesse, in quando hanno una capacità molto breve di circa 8 secondi, quindi è essenziale attirare la loro attenzione con un messaggio interessante.

Non bisogna dimenticare di essere creativi, di non usare una combinazione noiosa di bianco e nero mettendola in cima alla pagina come un obbligo. Colori brillanti, font accattivanti e parole più grandi possono avere un impatto straordinario.

Perché dovresti ottimizzare il testo del pre-header?

Superare il test del pre-screening

Gli abbonati e i lettori analizzeranno spesso l’email semplicemente leggendo il pre-header. Se si vuole incrementare il tasso di click e di apertura, bisogna ottimizzare il testo del pre-header.

Ha la funzione di pubblicità

Il pre-header stesso agisce da pubblicità. Anche se le persone sono interessate nel messaggio, potrebbero non voler leggere tutta l’email se il pre-header non è accattivante.

Come scrivere un testo perfetto per il pre-header?

Bisogna ricordare che anche se viene utilizzato come pre-screener, il testo non è utile solo per essere visualizzato nella casella di posta vicino all’oggetto dell’email. Può spuntare anche quando l’abbonato apre la campagna email. Quindi, anche se la parte di testo del pre-header è essenziale, bisognerebbe concentrarsi anche sull’aspetto di tutti gli elementi che vengono inseriti nell’email. Il motivo per cui bisognerebbe renderlo il più breve possibile, è perché viene già letto prima di aprire l’email, quindi non è necessario ripeterlo nel corpo del testo. Utilizzare un pre-header breve consente alle persone di leggere con calma il resto del contenuto.

Usare i pre-header come estensione dell’oggetto  

Considerando che gli abbonati leggeranno il pre-header vicino all’oggetto delle email, questi due dovrebbero essere combinati per creare l’immagine perfetta per gli abbonati.

Esempio:

“Perdi gli ultimi 10kg” è un oggetto molto utilizzato per persone che stanno cercando di perdere gli ultimi chili di troppo. Questo potrebbe ridurre l’interesse per altri, però, in quanto è stato pensato specificatamente per persone che vogliono eliminare qualche chilo e non per persone con diversi obiettivi di fitness. Si può ottimizzare questo con un pre-header che amplia le offerte date: “Perdi gli ultimi 10kg + 10% di sconto” dice alle persone esattamente cosa stai offrendo.

Includere le call to action nei pre-header

Le call to action sono il modo migliore per incrementare le interazioni tra l’abbonato e l’email. Si può chiedere alle persone di cliccare in un certo punto, leggere un certo paragrafo o di compiere qualsiasi altra azione che si voglia. Questo fornisce un indicatore chiaro del passo successivo e le persone sono più interessate ad aprire le email se sanno cosa avverrà dopo.

Verdetto

Sono importanti anche i dettagli più piccoli. L’utilizzo del pre-header potrebbe non essere tra le priorità, ma può dare a una campagna e il vantaggio aggiuntivo di attirare l’attenzione degli abbonati. I lettori hanno un contesto più amplio di ciò di cui parla l’email e sono incoraggiati a compiere delle azioni. Bisogna sempre ricordare di utilizzare le migliori pratiche quando si progettano le email. Assimilare l’oggetto con il pre-header è una combinazione vincente per la campagna successiva.

Guida dettagliata sulla blacklist nell'email marketing e come può essere evitata

Stai usando l'email marketing per promuovere le campagne del tuo sito web, ma non riesci a capire perché non riesci a generare molto traffico con l'email marketing? In genere succede quando il tuo indirizzo email è in una blacklist.

 

Al giorno d'oggi, l'email marketing è diventato un mezzo abbastanza comune per raggiungere il pubblico di riferimento e promuovere la tua azienda, le campagne e le nuove offerte che stai proponendo. 

Mentre guardiamo il lato positivo della tecnologia, non possiamo negare che il cybercrimine in questi giorni è la norma. Questo è il motivo per cui si presta particolare attenzione alla sicurezza delle piattaforme online.  Supponiamo che si usi l'email marketing da un po' di tempo e che si sia pianificata una campagna di email marketing considerevole per il proprio prodotto. Si passano ore a progettare una mail ben informativa che comprende tutto ciò che riguarda l'ultima campagna che l'azienda sta organizzando, ma non raggiunge il destinatario. Come è possibile?

A volte le email presentano problemi minori come un errore di scrittura insignificante, un indirizzo email sbagliato, oppure il motivo più comune per cui il destinatario non riceve le email potrebbe essere la casella di posta piena del destinatario. Tutti questi problemi sono risolvibili, e si possono facilmente evitare.

Tuttavia, a volte le email non raggiungono il destinatario perché l'ISP ha messo in blacklist l'indirizzo email del mittente. Quando l'indirizzo di un mittente è nella blacklist, tutte le sue email vengono consegnate nella casella di spam.

Il consiglio più saggio che qualcuno potrebbe mai dare è di non prendere mai la blacklist alla leggera. Gli Internet Service Provider (ISP) hanno appositamente progettato le blacklist per proteggere i loro utenti dallo spam. 

 

È la ragione per cui molti marketer usano Mailpro per seguire tecniche etiche di email marketing che renderanno le loro mail libere dallo spam, autentiche e genuine per passare i filtri antispam ed evitare di essere inseriti facilmente nella blacklist. 

 

Scoprire cos’è la blacklist nell’email marketing

 

Sappiamo tutti che i provider di servizi internet progettano la blacklist tenendo in considerazione la sicurezza degli utenti. Una blacklist è come una lista di indirizzi email fallati che nessuno vuole vedere nella propria casella di posta principale e quindi, le email che vengono inviate da indirizzi presenti nella blacklist finiscono nella casella di spam. 

 

I domini e gli indirizzi IP sono le basi della blacklist e si crede che questi fattori trasmettano contenuti spam. I domini e gli indirizzi IP aiutano a identificare quali email sono utili e quali devono essere cancellate.

 

Gli elementi primari inclusi nella blacklist sono i domini e gli indirizzi IP, quindi le blacklist sono anche caratterizzate a seconda dei loro nomi. Quando si sospetta che i domini stiano inviando email inappropriate, sono classificati in una blacklist dei domini. Quando viene inviata un’email spam attraverso un indirizzo IP, viene aggiunta alla blacklist dell’indirizzo IP.

 

Le blacklist sono create da algoritmi all’avanguardia per proteggere gli utenti dal ricevere email indesiderate.

 

Come sono finite le tue email nella blacklist?

 

Quando invii un’email per scopi di marketing al destinatario, questa deve superare vari test per arrivare nella sua casella di posta.

 

Il primo passo che fa l’ISP del destinatario è quello di verificare se l’email è autentica o meno. L’indirizzo IP della tua email viene confrontato con la lista già disponibile e viene filtrato con il sistema anti-spam del destinatario per controllare determinati dettagli che l’utente non accetta. Solo se la tua email supera questi test raggiungerà la casella dell’utente, e se non lo fa, ci sono alte probabilità che tu sia finito in una blacklist e che la tua email finisca nella casella dello spam.

 

Al fine di evitare i blocchi dei filtri anti-spam, è utile scegliere Mailpro per progettare una campagna di email marketing in cui puoi eseguire tutti i test anti-spam prima di inviare l’email. In seguito, se trovi un link o contenuto spam, puoi effettuare tutti i cambiamenti necessari e creare un’email user-friendly.

 

Ecco alcuni motivi per cui il tuo indirizzo email potrebbe essere stato inserito in una blacklist:

 

  • Email irrilevante: Se invii continuamente email a chi non è interessato ai tuoi servizi, possono contrassegnarle come spam. Se vieni inserito una volta in quella categoria, avrà un effetto negativo sulla tua reputazione e il provider di servizi internet inizierà a registrare ogni rapporto di spam ed eventualmente ti inserirà nella blacklist.

 

  • Aumento istantaneo della lista: Supponiamo che un giorno la tua lista abbia cinque indirizzi e il giorno successivo ne abbia 15. Nessuno considera una tale crescita come naturale. Quindi, per evitare attività dannose e per promuovere una crescita organica per migliorare i tuoi affari, l’ISP inserisce il tuo indirizzo email nella blacklist.

 

  • Pessima collezione di liste: È importante avere una documentazione adeguata della tua lista, come chi apre l'email e chi no. Se le tue email inviate non vengono aperte e rimbalzano spesso perché l'indirizzo email non è più attivo, questo può danneggiare la tua reputazione, e sai quali sono le conseguenze. 

 

  • Link di cancellazione mancante: Nessuno vuole ricevere email non richieste nella propria casella di posta, e si sa che le frodi informatiche via email sono a portata di click. Per evitare tali frodi e per la comodità degli utenti, il GDPR, nelle sue linee guida, ha reso necessario includere il pulsante "Disiscrizione" nelle email. Questa opzione dà la libertà agli utenti di scegliere se vogliono vedere le tue email o no. Se non c'è l'opzione “Disiscrizione” nell'email, l'utente probabilmente segnalerà lo spam, e questo non è un bene.

 

Come uscire da una blacklist?

 

È semplice uscire da una blacklist. Dopo che è stato confermato che sei stato inserito in una blacklist, pensa a come e perché questo è successo. Se ci succede una cosa del genere, sappiamo cos’è andato storto, quindi bisogna identificare il problema e risolverlo il prima possibile. Una volta fatto, puoi inviare aggiornamenti sui cambiamenti fatti che stavano dando problemi e sul tuo indirizzo non verrà segnalato come spam.

 

Se non è sufficiente, puoi chiedere di rimuoverti dalla blacklist. In questi casi, devi aspettare la loro risposta. O riceverai una conferma alla tua richiesta, oppure verrai informato con i cambiamenti che sono richiesti da parte tua.

 

Alla fine, ci sono alcune liste in cui non puoi fare altro che lavorare sui servizi che fornisci. Più migliorerai, prima sarai rimosso dalla blacklist. 

 

Il modo migliore per progettare una campagna di email è tramite Mailpro; tutto è così ben organizzato in Mailpro che puoi gestire la lista degli indirizzi, rendere il tuo contenuto libero da spam e rilasciarlo sul mercato. Una volta che hai già schermato le tue mail, niente può danneggiarti. 

 

Come evitare di essere inserito in una blacklist?

 

Essere inserito in una blacklist è una cosa che potrebbe rivelarsi problematica per molte persone e potrebbe avere un enorme impatto sul profitto generato da un’azienda. Nessuno può permettersi di essere inserito nella blacklist. Pertanto, è essenziale essere cauti fin dall'inizio e prendersi cura dei seguenti passi per migliorare la tua azienda o te stesso attraverso l'email marketing.  

 

  1. Prenditi cura della lista degli abbonati.
  2. Guarda i tecnicismi.

 

  1. Prenditi cura della lista degli abbonati.

 

  • Prepara tu stesso la lista: Qualunque cosa tu stia facendo online, è meglio che tu lo faccia in modo organico, così i risultati saranno migliori. Quando compri o affitti una lista, questa può contenere indirizzi email spam. Se stai inviando continuamente email a questi indirizzi, potrebbe non essere vantaggioso per te economicamente, e nessun risultato può danneggiare la tua parte mentale e la reputazione della tua azienda con gli IPS. Quindi, prepara una lista di indirizzi email multipli su Mailpro e accedi facilmente.

 

  • Le Call to Action non devono mancare: Nell'email marketing, la call to action ruota intorno alla richiesta al tuo destinatario di aggiungerti alla sua rubrica. Mantiene un rapporto sano tra il mittente e il destinatario. 

 

  • Servizi di Double opt-in: Alle scuole elementari, abbiamo letto la morale in cui era chiaramente menzionato, "chiedere il permesso". Se vuoi ottenere buoni risultati nell'email marketing, segui questa morale e chiedi al destinatario se vuole ricevere le tue email prima di aggiungerlo alla tua mailing list esistente. I servizi di double opt-in mantengono l'integrità dell'azienda e la privacy del destinatario. 

 

  1. Guarda i tecnicismi

 

  • Contenuti rilevanti: Crea un' email che inizia con un oggetto accattivante che potrebbe facilmente attirare l'attenzione degli utenti. Quando prepari un'email, assicurati che soddisfi le linee guida dell'ESP (Email Service Provider). 

 

  • Tieni traccia del coinvolgimento delle email: Dovresti avere tutte le registrazioni relative alle azioni fatte sulla posta che hai inviato. Il rapporto include quante persone l'hanno letto e quante non l'hanno ricevuto. Dovresti mantenere questi dati per garantire che la tua lista attiva sia autentica.

 

Nota: Quando gestisci la tua campagna email su Mailpro, non devi andare da nessuna parte. Avrai tutti i dettagli e i rapporti delle azioni in un unico posto. 

 

Conclusione

 

È necessario essere molto prudenti e fare le cose nel modo giusto per produrre risultati migliori in modo naturale. L'email marketing è il futuro del mondo digitalizzato di oggi, e si dovrebbe educare se stessi per essere pronti per il futuro. 

 

L'email marketing è parte integrante del marketing digitale e può essere noioso allo stesso tempo. Le campagne di email marketing di Mailpro ti aiuteranno a gestire le campagne di email marketing per la tua azienda, facendoti avere risultati migliori

 

Cosa fare se il tasso di disiscrizione aumenta?

Troppi potenziali clienti che annullano l'abbonamento alle email di marketing non sono mai un bene per le aziende e può intaccare in modo significativo i profitti. Immagina di impegnarti sempre di più nella redazione di email perfette, eppure gli utenti continuano a cancellare l'iscrizione. Questo può distruggere la propria fiducia.

Certo, non ci si può aspettare un tasso di successo del 100% con un tasso di disiscrizione dello 0%, ma si può sempre trovare il modo per impedire che diminuisca. Se un tasso di disiscrizione medio per il mercato generale è di 0.5%, questo potrebbe variare da mercato a mercato. Un tasso del 2% potrebbe significare comunque che non c’è nessun problema. Tuttavia, se ti senti deluso con l’aumento del tasso di disiscrizione e vuoi attuare qualche miglioramento, ecco alcuni consigli che possono aiutarti.

Invia le email quando si aspettano che tu lo faccia

Un’azienda non può andare avanti senza la fiducia dei clienti, quindi un tipo di email inconsistente non farà altro che peggiorare la situazione. Ricorda che il tuo cliente è alla ricerca di integrità, e se non possono essere sicuri che manterrai la tua parola per l’invio di email di routine, potrebbero dubitare anche della tua azienda.

Scoprirai che i blogger di successo hanno un momento specifico per il caricamento del contenuto: magari una o anche addirittura 2-3 volte la settimana.

Segui le aspettative dei tuoi clienti e rispettale, fagli sapere che tieni in considerazione loro e la loro fiducia. In questo modo, non solo ridurrai il tasso di disiscrizione, ma continuerai a coinvolgere il tuo pubblico.

Dai la possibilità di disiscriversi

Un cliente in trappola non è un cliente felice. Inoltre, secondo la legge è necessario che i tuoi clienti abbiano la possibilità di disiscriversi se lo desiderano. Potresti pensare che il tasso di disiscrizione si ridurrà se nascondi l’opzione, ma in realtà ti ritroverai con una lista di abbonati frustrati e poco coinvolti.

Ricorda di lasciare aperta e visibile l’opzione “Disiscriviti”. Gmail fornisce l’opzione nell’header.

I clienti sceglieranno sempre un’azienda che abbia un’immagine positiva. Inoltre, hanno bisogno di sapere che tu sia autentico, e questa è un’ottima strategia per costruire quell’immagine.

Controlla i requisiti di tempo dei tuoi utenti

L'idea di base dell'email marketing è che non si può esagerare o minimizzare. Non puoi far dimenticare ai tuoi clienti la tua o la loro ragione per aver sottoscritto un abbonamento, eppure, ancora una volta, a nessuno piace lo spammer. Devi trovare la frequenza perfetta con cui i tuoi clienti saranno in sintonia.

Se sei preoccupato, non riuscirai a trovare il giusto equilibrio. Chiedi ai tuoi abbonati, saranno loro a comunicarti la frequenza che preferiscono, così dovrai solo inviare email rispettando questo. Tuttavia, garantisci di poterlo fare, non puoi avere un contenuto inutile e irrilevante solo per arrivare al numero richiesto.

È inoltre possibile utilizzare il test A/B per verificare con quale frequenza e in quale momento le email hanno un tasso di risposta migliore e un tasso di disiscrizione inferiore. Questo può aiutarti a migliorare drasticamente la qualità delle tue email.

Personalizza le tue email

Comunemente, siamo tutti più attratti dalle email che ci parlano direttamente. Ci sentiamo apprezzati e ci sentiamo più coinvolti nel loro contenuto.

Invece di parlare a una clientela generale, puoi impostare le tue email in seconda persona, facendo sentire ai tuoi clienti che stai parlando direttamente con loro. È stato studiato e dimostrato che le email personalizzate portano un tasso di transazioni sei volte superiore a quello delle semplici email.

Personalizza le tue email in tutti i modi possibili: fai le domande pertinenti a cui il tuo utente può riferirsi, manda le email all'ora che preferisce, usa il suo nome per riferirti a lui e così via. La personalizzazione è fondamentale per le aziende e altrettanto fondamentale per l'email marketing.

Usa sia l’Opt-In che il Double Opt-In

Sia i plugin singoli che doppi hanno i loro pro e i loro contro. Sì, il singolo opt-in rende più facile il processo di sottoscrizione. Tuttavia, il senso di privacy dell'utente potrebbe essere violato, e si potrebbe finire con una reputazione negativa e un sacco di disiscrizioni.

Il double opt-in ti dà una lista più piccola di clienti che sono certi e interessati al tuo contenuto. Perché se non lo sono, eviteranno di ricevere l'email di conferma. Tuttavia, alcuni clienti trovano scoraggiante il doppio opt-in, e i tassi di iscrizione potrebbero essere più bassi.

Quindi, il modo migliore di procedere sarebbe quello di usare entrambi. Per quanto riguarda il luogo in cui si raccoglie l'elenco degli iscritti, ad esempio la homepage del sito web, utilizzare rispettivamente il double opt-in e il single opt-in.

Segmentare le liste

Contenuto irrilevante. Questo è uno dei motivi più basilari per cui gli utenti si disiscrivono. Ad esempio, se un cliente desidera ricevere contenuti relativi a consigli di scrittura, non si aspetterà contenuti sulla pubblicazione. Per mantenere il pubblico soddisfatto, offri loro ciò per cui sono venuti.

Il modo migliore per ottenere questo risultato è segmentare le liste. Ad esempio, nella fase iniziale, puoi chiedere all'abbonato di selezionare il tipo di contenuto che vuole ricevere. Cambia il tuo sistema in modo da inviare specifiche categorie di email ai tuoi rispettivi utenti. E, in questo modo ottieni una lista più impegnata e un numero minore di disiscrizioni.

Accetta i feedback

Se ti preoccupa l'aumento dei tassi di disiscrizione e non sai perché questo accade, chiedi. Prepara un breve e caloroso questionario e chiedi al tuo pubblico il motivo per cui ha cancellato l'iscrizione. Questo è il modo perfetto per correggere il tuo comportamento via email, infatti alcuni utenti potrebbero desiderare una pausa temporanea, quindi in seguito puoi inviare un invito a riprendere dopo un certo periodo. Anche in questo caso alcuni utenti potrebbero fornirti qualche informazione utile con cui lavorare.

Oltre a questo, è possibile utilizzare questo pop-up per ottenere un feedback e toccare gli elementi più importanti. Il tuo cliente potrebbe aver dimenticato il motivo iniziale per cui si era abbonato al tuo contenuto. Magari prometti un'entusiasmante ricompensa o un'offerta. Non sembrare troppo impaziente. Potrebbero, dopo tutto, scegliere di non annullare l'iscrizione.

Tuttavia, questo processo con il questionario potrebbe risultare frustrante per molti utenti. È meglio mantenerlo breve, diretto e amichevole. Potresti anche rendere opzionale il processo di feedback.

Questi sono sette consigli che possono aiutarti con il tasso di disiscrizione. Ricorda che una ripulita non ha mai fatto male a nessuno.

 

Gli effetti negative della luce blu degli schermi

Mailpro è sensibile alle tue esigenze e segue le migliori pratiche del settore. Tenendo conto di questo, siamo lieti di annunciare che presto lanceremo la modalità nera di Mailpro. Perché, ti chiedi? Per proteggere i tuoi occhi.

La scienza della luce naturale

La luce naturale è composta da molti colori primari. Quando tutti questi colori sono combinati, diventa la luce bianca che possiamo vedere. Ognuno di questi colori ha una lunghezza d'onda diversa. La luce blu tende ad avere un'alta energia e lunghezze d'onda brevi, che potrebbero influenzare il funzionamento del nostro corpo quando è esposto per un lungo periodo di tempo. Ha il suo obiettivo, ma la sovraesposizione è dannosa.

Questo è particolarmente vero se si fa un lavoro d'ufficio che richiede di passare ore davanti a uno schermo. Considerando che c'è un'esposizione significativa ai nostri schermi mobili e ad altri dispositivi, l'impatto è altamente negativo.

Alcune persone scelgono di indossare occhiali di sicurezza, occhiali da sole e occhiali antiriflesso per proteggere la vista e mantenere il naturale ritmo circadiano del loro corpo. È necessario conoscere la scienza che sta alla base dell'impatto sul proprio corpo e come si può risolvere il problema.

Quando si viene esposti alla luce blu?

Siamo circondati da schermi digitali che emettono una forte luce blu per tutto il giorno. Sia che tu sia al lavoro o a casa quando guardi la televisione, i tuoi occhi ne risentono costantemente. La luce dei LED, i televisori a LED, i monitor maiuscoli, gli smartphone, i tablet emettono tutti luce blu. Anche se l'esposizione alla luce blu che si ottiene da questi schermi è molto inferiore rispetto a quella del sole, c'è un problema con l'esposizione a lungo termine alla luce blu perché si è molto vicini. Inoltre, si può evitare la luce del sole dopo il tramonto; non si può evitare di guardare vari schermi anche di notte.

La luce blu ha le sue funzioni e i suoi benefici: aiuta a restare svegli e regola la funzione cognitiva del nostro cervello, che ha effetto sul nostro umore. Aiuta anche a regolare il nostro ciclo del sonno. Ecco perché, se siamo esposti alla luce blu per un lungo periodo anche dopo il tramonto, può creare un problema di sonno, che può portare a letargia e stanchezza.

Nei bambini, questo effetto è ancora più grave. I loro occhi assorbono più luce blu degli adulti. Può avere un impatto sulla loro crescita e sviluppo e anche sulla qualità della loro vista.

Qual è l’impatto delle luci blu sugli schermi per gli occhi umani?

Quasi tutta la luce blu che vediamo sugli schermi passa attraverso i nostri occhi ed entra nella retina. La sovraesposizione può compromettere la vista e causare un invecchiamento più rapido degli occhi..

Ecco gli impatti più significativi dell'esposizione alla luce blu:

  • Sforzo digitale sugli occhi

L'affaticamento digitale degli occhi avviene quando la luce blu degli schermi riduce il contrasto dei nostri occhi. Gli effetti dell'affaticamento degli occhi includono occhi irritati o doloranti e difficoltà a rimanere concentrati su qualsiasi cosa.

  • Danno alla retina

L'esposizione prolungata alla luce blu può danneggiare le cellule della retina perché quasi tutte attraversano la cornea e raggiungono la retina. Questo è il precursore di vari problemi di visione e della degenerazione maculare degli occhi.

C’è qualche modo per prevenire gli effetti negativi della luce blu degli schermi?

Se sei una persona che svolge un lavoro d'ufficio che richiede di stare davanti agli schermi per un periodo prolungato, potresti soffrire di danni alla retina o di affaticamento dell'occhio digitale. Ci sono vari modi per proteggere gli occhi dalla sovraesposizione.

  • Limitare il tempo passato davanti agli schermi

Se possibile, si può provare a ridurre la quantità di tempo che si passa davanti agli schermi digitali. Dovresti anche considerare di fare delle pause ogni un tot ore per almeno 5, 10 minuti. I nostri occhi non sono abituati alla costante ricezione della luce blu, e potrebbero irritarsi. Tante persone finiscono per usare il collirio perché soffrono di occhi secchi o irritati.

Altri soffrono di mancanza di sonno, che li rende letargici, che può essere facilmente risolto riducendo il tempo trascorso davanti allo schermo e facendo attenzione a non utilizzare uno schermo digitale almeno un'ora prima dell'ora di andare a letto..

  • Usare i filtri degli schermi

Quasi tutti gli schermi digitali, come i telefoni, i tablet o i computer, sono dotati di filtri che possono diminuire la quantità di luce blu che fuoriesce dallo schermo.

  • Occhiali anti-riflesso

Vengono creati occhiali specializzati per riflettere e bloccare la luce blu, che possono aiutare a combattere l'affaticamento digitale degli occhi. Si possono anche acquistare lenti antiriflesso che fanno la stessa cosa. Di giorno, se pensi di trascorrere molto tempo sotto la luce del sole, prendi in considerazione l'idea di indossare occhiali da sole.

  • Software che riducono la luce blu

Molti software specifici o applicazioni possono modificare lo spettro luminoso degli schermi digitali, riducendo la quantità di luce blu che ne esce. Questo riduce la quantità di luce a cui si viene esposti, proteggendo gli occhi.

Puoi scaricare e installare il software facilmente sul tuo sistema, e vedrai un cambiamento visibile nello spettro dei colori quando lo mantieni attivato. La maggior parte di questi software o programmi hanno anche capacità automatizzate per sincronizzarsi con il fuso orario e ridurre la quantità di luce a cui si è esposti dopo il tramonto. Quando il sole tramonta, è consigliabile rimuovere quanta più luce blu possibile, in modo che il ritmo circadiano del corpo possa funzionare in modo naturale. In questo modo, quando si va a letto, il corpo si sente bene in tempo e sa che è il momento giusto per riposare. Se la luce blu continua a colpire gli occhi, il corpo penserà che è ancora giorno, ed è per questo che molte persone hanno difficoltà a dormire.

È possibile utilizzare la modalità oscura sullo schermo, proprio come la modalità nera di Mailpro, che altera la fonte di colore dello schermo. La luce bianca ha più probabilità di contenere la luce blu rispetto alle modalità più scure. Quindi, utilizzando le modalità scure sulle applicazioni o sullo schermo del computer, si riduce l'emissione di luce blu. Se si è a proprio agio nell'uso di uno schermo più scuro, è naturalmente più adatto alle ore notturne e può anche aiutarti a vedere lo schermo più chiaramente.

Quindi ora hai capito perché la modalità scura di Mailpro sia ottima per tutti gli email marketer? Puoi ringraziarci più tardi!

A proposito, hai provato la nostra modalità recentemente lanciata? Condividi la tua esperienza con noi nei commenti qui sotto.

Crea e Invia Newsletter Professionale Facilmente Utilizzando i Nostri +560 Modelli di Newsletter

Mailpro

EMAIL MARKETING NON SARÀ UN SEGRETO PER VOI

Mailpro
Fase 1: Nozioni di base
Allenatevi in cinque fasi: il targeting, la creazione, la sperimentazione, l'invio, analizzare. Scarica la nostra guida Email Marketing gratis!
LEGGI DI PIÙ
Mailpro
Fase 2: Preparatevi con Mailpro
Scopri il software di posta elettronica Mailpro che ti accompagnerà in tutte le tue campagne di Email Marketing. Crea un account gratuito ora per provarlo!
LEGGI DI PIÙ
Mailpro
Fase 3: Informati con la nostra Email Marketing Blog
Ottenere informazioni preziose su Email Marketing: tecniche, best practice, notizie di attualità, e suggerimenti su come realizzare una campagna di email marketing.
LEGGI DI PIÙ

UTILIZZARE LA SOLUZIONE SVIZZERA NUMERO 1 PER EMAILING CLOUD PER LE PMI, MAILPRO!

Mailpro

SCOPRI ANCHE ALTRI TEMI

Rubrica
Tutte le tecniche per reclutare nuovi potenziali clienti, segmentare un database, rilanciare quelli inattivi e mantenere un database pulito.
Design e Creazione
I nostri esperti consegnano qui tutti i segreti per un'e-mail moderna, ergonomica e originale che delizierà le tue prospettive!
Consegnabilità
Il routing della posta elettronica può sembrare a volte tecnico: qui chiarezza e semplicità e suggerimenti per garantire la consegna.
Inseguimento
Le statistiche via email sono cruciali per valutare l'efficacia di una campagna e il suo ROI. Qui, si tratta di registrare tutti gli strumenti disponibili per effettuare un monitoraggio efficace.
Redazione
Non bloccare la scrittura della tua materia e le tue e-mail grazie alle tecniche editoriali dei nostri esperti!
Legislazione
Non siamo tutti avvocati o avvocati, ma questa sezione ti offre di fare il punto sulle regole che devono essere rispettate nell'e-mail marketing.
Eventi
E-mail marketing sono anche incontri, quindi scopri tutte le date degli eventi da non perdere.
Partenariati
Email marketing del blog ha partner e tu fai uso delle loro capacità. Scopri i mestieri dei nostri partner in questa sezione.

Un'email piattaforma per le piccole e medie imprese

Apri un conto Mailpro e godere di 500 crediti gratuiti

PROVA GRATIS
Trust Guard Security Scanned