I primi effetti del GDPR

Il GDPR è entrato in vigore alcuni mesi fa. Il principale obiettivo di questo nuovo regolamento era ridare agli utenti il controllo che potevano aver perso sul modo in cui i loro dati erano usati dai marketer. Se il GDPR è stato ampiamente discusso e temuto dal settore digitale, la sua entrata in vigore non ha messo fine al marketing come lo conosciamo. Tuttavia, molti inserzionisti hanno cambiato i loro modi di comportarsi per essere conformi con il nuovo inquadramento legale e alcuni utenti hanno modificato le proprie abitudini. In questo articolo, ci concentriamo sul comportamento del B2B che, anche se non il settore non era interessati in misura rilevante dal GDPR, è anch’esso cambiato a seguito della modificata situazione normativa. Questo è esplicitamente illustrato nel grafico seguente, realizzato dal CMIT e dalla società Markess. Per quanto riguarda le campagne email, vediamo che il 39% di persone che hanno preso parte al sondaggio hanno annullato l’iscrizione alle mailing list e il 34% erano riluttanti a fornire i propri dati personali agli inserzionisti. Quindi, è colpa del GDPR? Queste persone erano stanche di ricevere regolarmente email a cui non erano interessate? Si tratta di carenza di fiducia nei confronti degli inserzionisti. Siamo convinti che anche tra i tuoi contatti ci sia un misto di tutte queste situazioni. Inoltre, il 29% di persone che hanno preso parte al sondaggio hanno spiegato di aver segnalato il mittente come spam. Questo la dice lunga sull’interesse della campagna email che avevano ricevuto. Alla fine della presentazione, vengono proposte alcune azioni per migliorare la situazione, nonché idee per modificare questa tendenza.

Commenti chiusi

UTILIZZARE LA SOLUZIONE SVIZZERA NUMERO 1 PER EMAILING CLOUD PER LE PMI, MAILPRO!

Mailpro