X

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG


E ricevi gli ultimi post sull'Email Marketing

No grazie

7 Errori di Email Marketing che Abbiamo Rilevato nel 2019

7 Errori di Email Marketing che Abbiamo Rilevato nel 2019

L’email marketing è la soluzione ideale per tutti i tipi di attività e di startup. Secondo gli studi effettuati nel 2018 dal DMA, la piattaforma di marketing ha fornito un ritorno sugli investimenti di quasi $32 per ogni dollaro speso su di essa.

Un altro studio effettuato da Emarsys ha rivelato che l’81% delle piccole e medie imprese si affidano alle email per l’acquisizione di clienti, mentre circa l’80% lo preferisce per la fidelizzazione dei clienti.

Tuttavia, non tutti coloro che utilizzano l’email marketing hanno ottenuto i risultati sperati, soprattutto a causa di errori comuni come quelli che elencheremo.

Mailpro può aiutarti ad evitare questi errori e a costruire il mercato che desideri. Ha un potente server e un sito interattivo che puoi utilizzare.

Nessun pulsante di Call-to-action nella newsletter

La Call-to-action (invito all’azione) è il modo più semplice per invogliare il cliente a svolgere un’azione o a cliccare sul link del sito web. È l’elemento all’interno della newsletter responsabile per la conversione del potenziale lead in un cliente. L’utilizzo di questi pulsanti aumenta il tuo tasso di clic di quasi il 50%.

Il pulsante generatore di Mailpro può aiutarti a integrare questi pulsanti di call-to-action nelle tue newsletter. Abbiamo un generatore avanzato per le newsletter che ti permette di progettarle con diversi tipi di pulsanti CTA inclusi i classici link HTTP, i link sicuri HTTP, i link “chiamami”, SIP, FTP e i link Skype. Il generatore di pulsanti di Mailpro ha inoltre un’opzione per il link “chiamami” per integrare le chiamate del telefono e il link “chat” per le chat di Skype.

Il generatore ti permette inoltre di personalizzare questi pulsanti a seconda del tema e del tipo della newsletter. Puoi scegliere diversi tipi di forme, misure, allineamenti, grandezza del carattere, sfondi, colori e bordi. Inoltre, possiamo creare questi CTA utilizzando l’HTML, il che li rende molto più leggeri dei pulsanti standard; si caricano molto più velocemente e possono apparire anche quando il server di posta elettronica non può mostrare le immagini.

L’utilizzo di newsletter pesanti

La creazione di email altamente creative piene di grafici è il primo istinto di tutti i pubblicitari: secondo loro i grafici e le immagini possono invitare maggiormente i clienti ad aumentare il tasso di clic. Sebbene queste componenti abbiano dei benefici, non funzionano sempre.

La maggior parte delle volte non fanno altro che appesantire la newsletter e, come risultato, si carica così lentamente che gli utenti la ignorano e passano oltre. Quindi cerca di ottimizzare sempre il contenuto della tua newsletter email. Puoi iniziare riducendo la tua email e utilizzando un semplice formato di testo, in aggiunta puoi ottimizzare le immagini e gli altri grafici per una performance migliore e per un caricamento più veloce.

Inoltre, molti consumatori utilizzano la modalità di solo testo per la casella di posta elettronica, quindi avrai bisogno di un piano B per rispondere alle esigenze di questi utenti. Ad esempio, puoi aggiungere del testo rilevante intorno alle immagini; in questo modo, anche se l’immagine non si carica, gli utenti avranno un idea di cosa si sono persi.

Newsletter non adatte ai dispositivi mobili

Non tutti guardano le tue email o il tuo sito web dal desktop; la maggior parte di essi utilizzano i tablet o altri dispositivi mobili. Secondo le statistiche, più dell’80% delle email che invii vengono visualizzate su questi dispositivi mobili. Ciò significa che se una newsletter non è reattiva e adatta a tutti gli schermi, perde più della metà del suo potenziale pubblico.

Il generatore di newsletter di Mailpro è una soluzione perfetta per l’ottimizzazione che ti serve. Puoi creare email che si caricano su qualsiasi schermo con la stessa velocità e modalità di visualizzazione, riducendo in questo modo il tasso di bounce delle tue email.

La parte migliore è che non ti serve nessuna abilità di codifica o di progettazione. L’email adatterà automaticamente le immagini, il contenuto e i grafici per i dispositivi mobili su cui vengono visualizzate. È presente anche uno strumento di pre-visualizzazione che ti aiuterà a controllare il risultato dopo l’ottimizzazione e prima dell’invio.

Inoltre, questo generatore di newsletter ti fornisce modelli reattivi già pronti e supporta la personalizzazione di Drag & Drop per la progettazione delle newsletter. Abbiamo temi per tutte le aziende e per gli eventi.

Pessimo oggetto dell’email

L’oggetto dell’email è la parte più critica dell’email che invii. È l’elemento che diventa visibile per gli utenti anche prima che lui/lei apra la tua email. Infatti, in molti casi, la frase che scriverai avrà un effetto diretto sulla decisione degli utenti di aprire l’email o di cancellarla. Quindi devi assicurarti di rendere l’oggetto interessante e breve, eppure diretto per il tuo obiettivo finale.

Puoi inoltre considerare l’idea di ottimizzarla con parole intriganti e CTA come “compra ora” o “gratuito.” L’utilizzo di un giorno o di un orario crea un senso di urgenza molto utile. In modo simile, è meglio utilizzare un’anticipazione breve e semplice del testo dell’email. Puoi avere dei benefici utilizzando anche caratteristiche uniche e un pizzico di humor.

A parte questi aspetti, puoi anche prestare attenzione alle parole che usi. Puoi anche utilizzare uno strumento anti-spam per evitare che gli oggetti vengano etichettati come spam.

Trattare tutti allo stesso modo

Non tutti gli abbonati e i potenziali clienti della tua lista di contatti ha le stesse esigenze e la stessa routine. Alcuni magari accedono alle email più volte al giorno, mentre altri vogliono riceverle settimanalmente o mensilmente. In modo simile, alcuni vorrebbero sapere dei nuovi arrivi mentre altri sarebbero più interessati agli sconti e alle promozioni lampo.

Se utilizzi lo stesso tipo di messaggi per tutti, rendi meno importante la tua email. Più del 60% di persone cancellano le email  se la trovano irrilevante. Inoltre, il 27% di loro annullerà l’iscrizione e il 23% la etichetterà come spam. Non solo danneggerai il tuo ritorno di email marketing, ma potresti allontanare per sempre un potenziale cliente dal tuo marchio.

Quindi devi sempre creare un sistema di categorizzazione per questo aspetto; puoi suddividere i potenziali clienti a seconda dell’età, della posizione geografica, dell’età, degli interessi, della lingua e di molti altri aspetti. Le ricerche e gli acquisti effettuati in passato possono aiutarti ad anticipare i loro interessi e a personalizzare le email. Sarebbe inoltre ideale chiedere ai clienti le loro preferenze nel momento in cui si iscrivono alla newsletter.

Email non personalizzate

Adattare la newsletter email per gli utenti individuali o per i gruppi è una parte considerevole dell’email marketing. Uno studio effettuato da eConsultancy ha rivelato che più del 74% dei pubblicitari credono che la personalizzazione possa aumentare i tassi di coinvolgimento. Adottare questa personalizzazione nella tua campagna email può aumentare il tasso di ritorno degli investimenti e aiutarti ad espandere la tua lista di abbonati.

Puoi facilmente integrare la personalizzazione nella tua newsletter con Mailpro. Il processo è molto semplice e intuitivo: devi semplicemente aggiungere i dettagli del contatto mentre carichi la lista degli indirizzi e inoltre creare campi di personalizzazione per loro. Questo strumento include 25 campi, incluso il cognome, la classe, il tipo, il nome e molto altro. Ti permette inoltre di creare campi per le promozioni e le offerte.

Quando avrai la lista, potrai usare questi campi per categorizzare il contatto e inviare le newsletter personalizzate.

Dopo la categorizzazione iniziale, puoi semplicemente selezionare la posizione in cui aggiungere questo elemento dinamico nella tua newsletter. Devi solo selezionare il punto, cliccare sull’icona, selezionare il campo che vuoi aggiungere e hai finito.

Inoltre, ti permettiamo di aggiungere questi campi personalizzabili nel tuo oggetto dell’email.

Link non funzionanti nelle newsletter

Lo spam è una delle ragioni principali per cui si ottengono tassi di clic bassi nelle tue email. L'industria del marketing è responsabile di più del 70% delle email spam su internet. Il problema può essere dovuto a vari fattori, inclusi bassi tassi di coinvolgimento, oggetti dell’email ingannevoli e uso ridotto della casella di posta.

Tuttavia, il motivo principale per questo problema è il tuo contenuto. Quasi i ¾ delle tue email finiscono nelle caselle di spam a causa del contenuto della tua newsletter. Il test anti-spam di Mailpro può aiutarti a ridurre questi tassi di spam. Lo strumento gratuito può testare le email cercando gli errori e altri problemi prima che tu proceda all’invio. Con questo strumento puoi anche assicurarti che non ci siano link non funzionanti o messaggi pesanti.

Lo strumento di anti-spam controlla inoltre il rapporto tra immagini e testo ed elimina le parole spam per ottenere risultati migliori. In conclusione, questo strumento ti fornisce un punteggio di spam come conferma del progresso.

Un’altra parte dello strumento è la sua facilità. Puoi anche accedervi cliccando sull’opzione “controlla spam” nel messaggio.

Le ultime parole

Mailpro è il miglior servizio per migliorare i risultati della tua campagna di email marketing. Ti aiutiamo ad evitare gli errori comuni e ad ottenere il massimo dalla tua campagna.

Chiedi ulteriori informazioni sugli strumenti di email marketing di Mailpro, oppure crea un account su Mailpro per ottenere 500 crediti gratuiti per i servizi.

Commenti chiusi

UTILIZZARE LA SOLUZIONE SVIZZERA NUMERO 1 PER EMAILING CLOUD PER LE PMI, MAILPRO!

Mailpro